RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

11 febbraio 2018

Le deplezioni di volume

Perdite gastrointestinali si verificano quando il normale riassorbimento del liquido dal tratto GI è impedito da drenaggi o vomito, o se c'è una secrezione aumentata (con conseguente diarrea) da un processo infettivo o infiammatorio, o dall’uso di lassativi.

Deplezione di volume può essere causata da emorragia da qualsiasi sito cotporeo
Le ferite da arma da fuoco, le fratture principali, le lesioni da schiacciamento o un aneurisma aortico addominale rotto possono causare rapidamente una voluminosa perdita di sangue o liquidi che può essere mortale in tempi brevi.
Una emorragia acuta o cronica nel tratto GI è anche una causa comune di deplezione di volume.

Perdite eccessive di liquidi attraverso i reni sono il risultato di un eccesso di escrezione di sale e di acqua attraverso le urine.
Questo si osserva in caso di
-uso eccessivo di diuretici
-diuresi osmotica causata da sostanze come il glucosio nelle urine (a causa di diabete incontrollato)
-insufficienza surrenalica e
-raramente, nefropatie con perdite di sali

L'escrezione renale di acqua può essere grave nel quadro di un diabete insipido ma esso provoca principalmente disidratazione e ipernatriemia e non porterà ad una deplezione di volume vera a meno che non vi sia anche significativa perdita renale di sodio.

Le perdite attraverso la cute e quelle attraverso le vie respiratorie sono cause meno comuni di deplezione di volume.
Una sudorazione massiva che porta a perdite eccessive di sodio e acqua può essere vista in caso di calore estremo e sforzo fisico.
Le ustioni possono portare a perdite di grandi volumi di liquidi extracellulari attraverso i tessuti danneggiati.
Le perdite attraverso le vie respiratorie possono essere osservate in individui con effusioni pleuriche drenanti o escrezioni eccessive di muco dai bronchi

Il sequestro da parte del terzo-spazio è osservato quando quantitá anormali di liquidi si sviluppano in spazi dove non possono essere riassorbite dallo spazio intravascolare.
Questo si osserva quando si sviluppa un’ascite a causa per es. di cirrosi o di sindrome di Budd-Chiari, o di ostruzione venosa, pancreatite severa o ostruzione intestinale.

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI