RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

Visualizzazione post con etichetta O. Mostra tutti i post

17 settembre 2014

OSSIGENO NELLA SINDROME CORONARICA ACUTA

Somministra ossigeno ai pazienti con:
1)evidente congestione polmonare o
2)saturazione arteriosa di ossigeno inferiore al 90%

È ragionevole comunque somministrare ossigeno supplementare ai pazienti con sindrome coronarica acuta per le prime 6 ore di terapia

23 febbraio 2014

OSTEOPOROSI

È asintomatica finché non si verifica una frattura.


Diagnosi
si basa:
-su una storia di una precedente frattura da fragilità ossea
-su una bassa densità minerale ossea (T-score inferiore a 2.5)

Lo screening si basa sulla ricerca di fattori di rischio, tra cui:
-sesso femminile
-storia materna di fratture da fragilità ossea /osteoporosi
-età avanzata
-basso indice di massa corporea (inferiore a 19 kg / m2)
-peso corporeo inferiore a 58 kg.
-perdita di peso superiore al 10 % del peso corporeo
-trattamento di deprivazione androgenica (nei maschi); alcuni trattamenti per il cancro della prostata riducono i livelli di testosterone negli uomini ed livelli di ormoni sessuali più bassi tendono ad indebolire l'osso.
-trattamento con inibitori dell'aromatasi (nelle donne)
-impiego di corticosteroidi
-consumo di tabacco
-calcolosi renale

Altre considerazioni sugli ormoni
La riduzione dei livelli di estrogeni in menopausa è uno dei più forti fattori di rischio per lo sviluppo di osteoporosi.
Le donne possono anche sperimentare un calo di estrogeni durante alcuni trattamenti per il cancro.
Gli uomini anziani sperimentano una graduale riduzione dei livelli di testosterone.
Un eccesso di ormone tiroideo può causare perdita ossea.
Questo può verificarsi se la tiroide è iperattiva o se si assume troppo ormone tiroideo, farmaco utile per curare un ipotiroidismo.
L'osteoporosi è stato anche associata ad iperattività delle paratiroidi e ghiandole surrenali.


Trattamento
La prevenzione delle cadute è il provvedimento di prima linea.
I bifosfonati rappresentano la terapia farmacologica di prima linea per le donne in post-menopausa e per gli uomini.
Nelle donne in post-menopausa, gli estrogeni vengono considerati solo per quelle ad alto rischio per le quali i farmaci non-estrogeni non sono appropriati

20 febbraio 2014

OVERDOSE DA COCAINA

Si verifica da pochi minuti ad alcune ore dall'utilizzo eccessivo di cocaina.
Alcuni pazienti possono morire improvvisamente prima che sia praticato un trattamento


Quadro clinico
agitazione
tachicardia, ipertensione
ipertermia, sudorazione
midriasi


Esami di laboratorio
Un test per la ricerca di cocaina nelle urine conferma il recente uso di cocaina, ma il trattamento non dovrebbe essere ritardato in attesa dei risultati!


Trattamento
Il trattamento comportare cure di supporto e benzodiazepine;
l' ipertermia richiede un raffreddamento rapido per evitare l'exitus


Complicanze
Possono verificarsi complicanze quali:
aritmie
sindrome coronarica acuta
emorragia intracranica

7 dicembre 2013

OMALIZUMAB

Omalizumab è un anticorpo monoclonale ricombinante umanizzato

Meccanismo d'azione
si lega selettivamente alle IgE ed inibisce il legame di queste ai mastociti ed ai basofili, riducendo così il rilascio di mediatori della risposta allergica.
A differenza dei tradizionali farmaci anti-IgE non interagisce con le IgE già legate a mastociti e basofili.

Indicazioni
Omalizumab è utilizzato nel trattamento profilattico dell'asma allergico persistente da moderato a grave.
Omalizumab può essere utilizzato per il trattamento dell'asma allergico (IgE mediata) persistente severo come trattamento aggiuntivo alla terapia standard ottimizzata negli adulti.
Esso ha dimostrato di ridurre le esacerbazioni e la richiesta di corticosteroidi, rispetto al placebo nei pazienti adulti con asma moderato-severoOmalizumab è sotto investigazione nel trattamento profilattico della rinite allergica stagionale

Posologia
Omalizumab viene somministrato mediante iniezione sottocutanea, e non più di 150 mg dovrebbeero essere iniettati nel sito di iniezione.
La dose dipende dal peso del paziente e dalle concentrazioni delle IgE del siero nel pre-trattamento
Le concentrazione di IgE totali aumentano durante il trattamento rimanendo elevate fino ad 1 anno dopo la sospensione

Controindicazioni
allattamento

Effetti indesiderati
cefalea, diarrea, dispepsia, astenia, vertigini e tosse.

5 marzo 2013

OSSESSIONI E COMPULSIONI

Le ossessioni sono pensieri indesiderati o immagini che affiorano alla mente, in modo intrusivo, e che vengono percepiti come estremamente fastidiosi.
Nonostante le proprie ossessioni vengano giudicate dal paziente come eccessive e insensate, egli sperimenta grande disagio e gli innumerevoli sforzi per contrastarle hanno un successo solo momentaneo.


Le compulsioni sono invece comportamenti ripetitivi (lavarsi le mani, riordinare, controllare) o azioni mentali (contare, pregare, ripetere formule mentalmente), messe in atto per alleviare l'ansia provocata dalle ossessioni  
I pazienti con un’ossessione che riguarda la contaminazione possono lavarsi costantemente le mani fino a provocarsi delle escoriazioni. 
Altri possono ripetutamente controllare di aver chiuso il gas per la paura ossessiva di far scoppiare la casa o controllare ripetutamente di aver chiuso una porta nella paura di lasciare aperta la casa o l'auto 

1 marzo 2013

OSSITOCINA

Ormone secreto dalla neuroipofisi che provoca la contrazione dell'utero al momento del parto

26 febbraio 2013

OSTEOPOROSI: FATTORI DI RISCHIO

eta' avanzata 

inattivita' fisica

trattamento con corticosteroidi

ipocalcemia

riduzione degli estrogeni nella donna

precedenti fratture 

basso indice di massa corporea 

amenorrea 

abuso di alcolici

fumo

30 dicembre 2012

ONDA T INVERTITA ALL'ECG, CAUSE

Ischemia!

Ipertrofia ventricolare

Foci ectopici (ad es. placche calcifiche)

Blocco di branca dx.

Blocco di branca sin.

Digitale

Puo' essere normale, specie nei giovani

21 luglio 2012

OSTEOARTROSI ED INIEZIONI INTRARTICOLARI

Iniezioni intra-articolari di corticosteroidi possono essere utili nel trattamento degli episodi dolorosi acuti dell'artrosi e possono risultare in un miglioramento sostenuto dei sintomi anche se la durata della risposta è variabile. 

La maggior parte dei dati sono disponibili per l'osteoartrosi del ginocchio.  

L'infezione è rara (<1 su 10 000 di incidenza), ma occorre  disinfettare accuratamente la cute sovrastante, ed evitare l'iniezione su cute infetta o psoriasica  
Altri effetti collaterali possono essere una depigmentazione della pelle e l'atrofia grassa 

E 'consigliabile che i pazienti ricevano non più di 2 o 3 iniezioni all'anno. 

Iniezioni intra-articolari di derivati ​​dell'acido ialuronico riducono il dolore ed il gonfiore e possono fornire un beneficio per 6-12 mesi. 
Nel breve termine possono essere efficaci come le iniezioni intra-articolari di corticosteroidi.

7 luglio 2012

OSSESSIONE

Pensiero, immagine o idea, intrusiva o indesiderata  che entra nella coscienza del paziente nonostante i tentativi di sopprimerla.

4 luglio 2012

OCCHIO ROSSO, POSSIBILI CAUSE

Congiuntivite

Cheratite ulcerativa

Episclerite

Entropion ed ectropion

Blefarite

Orzaiolo esterno

Orzaiolo interno o calazio

Dacriocistite

Cellulite dell'orbita

Irite acuta (uveite acuta)

Glaucoma acuto ad angolo chiuso

Emorragia sottocongiuntivale! (comune)

28 giugno 2012

OSTRUZIONE INTESTINALE DI DIFFICILE GESTIONE

Una ostruzione intestinale inoperabile puo'  essere gestita con terapia medica 

Ciò può consentire al paziente di essere curato a casa. 

Il paziente può mangiare e bere piccole quantità di cibo o liquidi

Gli approcci al trattamento variano a seconda che sia presente una ostruzione subacuta o una ostruzione completa

L'obiettivo è di eliminare la sensazione debilitante di nausea e ridurre la frequenza del vomito ad un livello accettabile per il paziente. 

I sintomi da trattare sono nausea, vomito, dolore e costipazione. 

I farmaci per via orale sono scarsamente assorbiti in caso di ostruzione gastrointestinale per cui devono essere somministrati per via sottocutanea o rettale 

Dolore 
Per le coliche, un antispastico come ad esempio il butilbromuro di joscina o Buscopan 80-120 mg nell'arco di 24 ore attraverso l'infusione continua sottocutanea è di solito efficace. 
Evitare gli antiemetici procinetici (metoclopramide), se sono presenti coliche
  Il dolore da cancro o metastasi di solito richiede analgesici per via parenterale (ad es diamorfina somministrata per via sottocutanea nell'arco di 24 ore o di fentanil per via transdermica). 

Nausea e vomito 
Se e' presente ostruzione parziale senza coliche la metoclopramide, 80-120 mg nelle 24 ore può stimolare la motilità intestinale
Questa può essere combinata con alte dosi di desametasone, 16 mg / 24 h, che riduce l'edema  peri-tumorale ed e' utile anche come antiemetico. 
Quando il vomito è controllato, introdurre con cautela lassativi orali, se tollerati

Se l'ostruzione è completa oppure se è presente una colica la ciclizina, 100-150 mg / 24 viene somministrata con il Buscopan (butilbromuro di joscina). 
L'aloperidolo 5-15 mg / 24 h, è una valida alternativa. 
Aloperidolo, ciclizina, e joscina sono utilizzabili insieme con la diamorfina
 
La levopromazina è  un antagonista della 5-idrossitriptamina (5-HT2) e rappresenta una ulteriore valida alternativa ai suddetti antiemetici 

Se il vomito persiste puo' essere utilizzata l'octreotide, un analogo della somatostatina 300-600 mg / 24h per via sottocutanea 
Questo farmaco è un anti-secretorio e promuove il riassorbimento di elettroliti e quindi di acqua dall'intestino. 

In casi difficili un sondino nasogastrico dovrebbe essere considerata per un uso a breve termine. 

Se tutto cio' non riesce a controllare il vomito ed è doloroso per il paziente, una gastrostomia  deve essere considerata, tenendo conto della prognosi del paziente, della condizione attuale, e, soprattutto, dei suoi desideri. 

 Per quei pazienti con ostruzione intestinale maligna che non riescono a recuperare la funzione intestinale con una gestione conservativa dovrebbe essere considerato un intervento chirurgico 
 D'altronde l'uso di uno stent a livello del colon è utile per evitare una procedura a cielo aperto
 
Questi problemi è preferibile che siano discussi da un team multidisciplinare, che coinvolge chirurghi, oncologi e medici esperti di cure palliative insieme con il paziente e la sua famiglia. 
I rischi ei benefici devono essere valutati 

Se l'ostruzione è dovuta ad un tumore molto chemiosensibile, come un linfoma a piccole cellule, o un cancro dei testicoli, la chemioterapia può essere appropriata. 

Tuttavia, questa è potenzialmente pericolosa e richiede uno stretto monitoraggio. 

Il paziente con ostruzione esofagea o ostruzione duodenale possono trarre beneficio dalla radioterapia locale o l'inserimento di uno stent. Spesso, lo stent dovrebbe essere inserito per primo seguito da radioterapia poiché il vantaggio di quest'ultima non può essere visto prima di 6 settimane.

OLIGURIA, ANURIA

Anuria
denota assenza di produzione di urina.

Oliguria
e' una produzione di urina inferiore a 400 ml nelle 24 h ed e' più comune dell' anuria.

Un catetere vescicale dovrebbe essere introdotto per confermare una vescica vuota.

11 maggio 2012

ORGASMO FEMMINILE

L'orgasmo femminile presenta una durata media di circa 25 secondi.

ORGASMO MASCHILE, DURATA

L'orgasmo maschile ha una durata media di circa 5 secondi.

15 marzo 2012

ORLISTAT (XENICAL)

E' un inibitore della lipasi pancreatica e riduce l'assorbimento intestinale dei grassi fino al 30%
Riduce il peso di circa 2.5-3 Kg dopo 1 anno di trattamento

Va assunto 30 minuti prima dei pasti principali


Effetti collaterali
diarrea oleosa
crampi addominali
flatulenza

8 marzo 2012

OSTEOPETROSI

O malattia delle ossa di marmo
o malattia di Albers–Schönberg

E' una malattia ereditaria dell'osso contraddistinta da:

densità ossea aumentata
fratture e
anemia

La forma recessiva è meno grave rispetto alla forma autosomica dominante

3 marzo 2012

OGILVIE, SINDROME DI

Ostruzione del colon acuta funzionale causata da:

infiltrazione retroperitoneale maligna o
frattura della colonna vertebrale o
squilibrio elettrolitico

Il trattamento si avvale di misure conservative, correzione delle turbe elettrolitiche
Clistere con mezzo di contrasto o colonscopia permettono la decompressione ed escludono cause meccaniche.
La neostigmina, che e' un parasimpaticomimetico è anche efficace e suggerisce che la causa e' una soppressione del parasimpatico

I parasimpaticomimetici, infatti, a livello gastrointestinale aumentano il tono, l'ampiezza delle contrazioni e l'attività secretoria dello stomaco e dell'intestino (attraverso i recettori muscarinici M2 eM3).

21 febbraio 2012

ORMONI E GHIANDOLE ENDOCRINE

Ipotalamo: GnRH, TRH, CRH,  GHRH, somatostatina, dopamina  

Neuroipofisi: vasopressina, ossitocina  

Ipofisi: GH, ACTH, TSH, LH, FSH, prolattina, MSH, endorfina, lipotropina

Tiroide: T3 (triiodotironina) e T4 (tiroxina), calcitonina  

Paratiroide: PTH  

Surrene midollare: adrenalina, noradrenalina  

Surrene corticale: aldosterone, cortisolo, DHEA  

Pancreas: glucagone, insulina, somatostatina, amilina, polipeptide pancreatico  

Ovaio: estradiolo, progesterone, inibina, activina  

Testicolo: testosterone, AMH, inibina  

Ghiandola pineale: melatonina  

Rene: renina, angiotensina, EPO, calcitriolo, prostaglandina  

Atrio cardiaco: ANP

Stomaco: gastrina, grelina  

Duodeno: CCK, GIP, secretina, motilina, VIP  

Ileo: enteroglucagone, peptide YY  

Fegato: IGF-1

Placenta: hCG • HPL • estrogeno • progesterone • relaxina

Tessuto adiposo: leptina • adiponectina

20 febbraio 2012

ORMONI SESSUALI

Qualsiasi tipo di androgeno o estrogeno o ormone steroide correlato prodotto principalmente dai testicoli, ovaie o corteccia surrenale

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI