CERCA UN ARGOMENTO

26 giugno 2016

Dronabinol (MARINOL)

Il delta-9-tetraidrocannabinolo è un principio attivo della cannabis, e può essere considerato il capostipite della famiglia dei fitocannabinoidi.

Negli Stati Uniti la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato MARINOL per trattare la nausea ed il vomito associati a chemioterapia in pazienti che non hanno risposto adeguatamente ai trattamenti convenzionali.

La FDA ha anche approvato MARINOL per trattare la perdita di appetito associata a perdita di peso in pazienti con AIDS.

Il farmaco non è in commercio in Italia ma può essere importato dall'estero in base alla procedura prevista dal D.M. 11-2-1997 (Importazione di specialità medicinali registrate all'estero).



23 giugno 2016

Segni e sintomi associati ad ipogonadismo con inizio in etá adulta

Perdita della libido

Disfunzione erettile

Erezioni mattutine piú rare

Sovrappeso o obesità

Sarcopenia

Ridotta massa ossea

Depressione

Affaticamento

Perdita di peli sul corpo

Vampate di calore

Perdita di vigore

OXY MAX

Oxy Max è un integratore costituito dalle seguenti sostanze:

N-acetil cisteina (NAC)

L-glutatione

acido alfa-lipoico

coenzima Q10

selenio

beta-carotene

vitamina C

vitamina E

resveratrolo

bioflavonoidi

21 giugno 2016

TESTOSTERONE, FARMACI CHE NE RIDUCONO I LIVELLI

Acarbosio
Androgeni
Carbamazepina
Cimetidina
Estrogeni coniugati
Ciclofosfamide
Ciproterone
Danazolo
Desametasone
Diazossido
Dietilstilbestrolo
Digossina
D-Trp-6-LHRH
Etanolo
Fenoldopam
Finasteride
Ormone follicolo-stimolante
Gemfibrozil
Glucocorticoidi
Interleuchina
Ketoconazolo
Letrozolo
Leuprolide
Liquirizia
Solfato di magnesio
Medrossiprogesterone
Metformina
Metilprednisolone
Nafarelin
Octreotide
Contraccettivi orali
Fenotiazine
Pravastatina
Prednisone
Piridoglutetimide
Spironolattone
Stanozololo
Tetraciclina
THC (Marijuana, Marinol®)
Tioridazina
Verapamil

Coenzima Q10



Antiossidante lipo-solubile, é anche denominato ubidecarenone, ubiquinone, CoQ10

Si trova principalmente negli organi con elevato metabolismo (cuore, fegato, rene, muscolo) ed in modo specifico nei mitocondri

Svolge un ruolo fondamentale nel trasporto di elettroni attraverso le membrane dei mitocondri ed è coinvolto nei processi che producono energia a partire degli alimenti.

L’invecchiamento, l’esercizio fisico e lo stress diminuiscono la concentrazione di coenzima Q10.

Deficit primario descritto: malattia autosomica recessiva con miopatia ed encefalopatia


Ha mostrato un certo beneficio nella malattia del Parkinson
Può ridurre la cardiotossicità da doxorubicina

Dose: 100-300mg/giorno divisi in 2-3 somministrazioni

20 giugno 2016

Alfabloccanti, uso nell'ipertrofia prostatica ed in altre patologie

Effetti degli alfabloccanti: rilasciano i muscoli lisci del collo vescicale e della prostata.

Attualmente sono usati gli alfabloccanti di terza generazione

Tra questi ricordiamo:

tamsulosina

alfuzosina

silodosin


Effetti collaterali: cefalea, vertigini, astenia, secchezza delle fauci, eiaculazione retrograda!


NB. l'alfuzosina è quella che causa meno frequentemente eiaculazione retrograda!
 (detto fra noi, brutto fastidio!)


NB. Gli alfabloccanti per le loro proprietà di rilassamento del tratto muscolare urinario sono impiegati in caso di calcolosi ureterale per facilitare il passaggio spontaneo dei calcoli di dimensioni al di sotto dei 5 mm.


NB. gli alfabloccanti sono anche utili in caso di prostatite per il loro effetto di rilassamento nei confronti della disfunzione dello svuotamento causata dalla prostatite

Perdita dei capelli nella donna, cause ormonali

Iperandrogenismo associato a:

-iperplasia surrenalica congenita

-tumori secernenti androgeni

-sindrome dell'ovaio policistico

18 giugno 2016

EIACULATIO PRECOX, FARMACOTERAPIA

DAPOXETINA per uso on demand

Antidepressivi SSRI o clomipramina per uso cronico

Anestetici topici o tramadolo on demand

14 giugno 2016

TIFO, ALCUNE PRECISAZIONI SUL TRATTAMENTO

Ridotta suscettibilità ai chinolonici

Anche alte dosi di fluorchinolonici non sono adatte per il trattamento

L'azitromicina é il farmaco di scelta per la febbre tifoide

Il ceftriazone é preferibile per il trattamento del paziente ospedalizzato in condizioni serie

INIBITORI DELLA POMPA PROTONICA, ALCUNE INDICAZIONI

Gli IPP potrebbero essere utilizzati nel trattamento di molte condizioni quali:

-dispepsia

-ulcera peptica

-prevenzione della gastrite da stress

-malattia da reflusso gastroesofageo

-malattia da reflusso extraesofageo

-esofago di Barrett

-gastrinomi e altre condizioni che causano ipersecrezione di acido come la sindrome di Zollinger-Ellison


Non è stata dimostrata l'efficacia degli IPP in ogni caso, malgrado il loro uso molto diffuso per queste condizioni. 

Ad esempio, gli IPP non modificano il decorso dell'esofago di Barrett

MALATTIA DA REFLUSSO GASTROESOFAGEO, ALCUNE RACCOMANDAZIONI

La perdita di peso è raccomandata nei pazienti in sovrappeso o che hanno presentato un recente aumento di peso

Una elevazione della testa del letto e l'evitare i pasti 2 – 3 h prima di coricarsi dovrebbero essere raccomandati per i pazienti con malattia da reflusso notturno

L' eliminazione di routine di alimenti che possono provocare reflusso (tra cui cioccolato, caffeina, alcol, cibi acidi e/o piccanti) é utile nel trattamento della malattia da reflusso esofageo

Un trattamento per 8 settimane con inibitori della pompa protonica è la terapia di scelta per alleviare i sintomi ed ottenere la guarigione di un'esofagite erosiva. Non vi sono differenze importanti nell'efficacia tra i diversi Inibitori della pompa protonica (IPP)

Gli IPP devono essere somministrati 30 – 60 min prima del pasto per il controllo del pH massimo. PPI più recenti possono offrire una certa flessibilità di somministrazione rispetto ai pasti

La terapia con inibitori della pompa protonica deve essere iniziata solitamente una volta al giorno, prima del primo pasto della giornata.

13 giugno 2016

UROPATIA OSTRUTTIVA, PROGNOSI

L'uropatia ostruttiva può causare un danno renale permanente, ma la maggior parte dei pazienti che ne va incontro guarisce completamente se l'ostruzione viene risolta prontamente.

Anche se l'ipertrofia prostatica benigna (BPH) è una causa comune di uropatia ostruttiva, la maggior parte dei pazienti con BPH non va incontro ad ostruzione.

Non frequentemente si sviluppa un'insufficienza renale a causa di un'ipertrofia prostatica benigna

PSEUDOMONAS AERUGINOSA, ANTIBIOTICI ATTIVI CONTRO LO

Tra le penicilline
piperacillina, ticarcillina e mezlocillina.

Tra le cefalosporine
ceftazidime e cefoperazone (note anche come cefalosporine di terza generazione antipseudomonas).

Tra le cefalosporine parenterali di quarta generazione
cefepime, imipenem, meropenem e aztreonam

Tra gli aminoglucosidi
tobramicina, amikacina e gentamicina.

Tra i fluorchinolonici
la ciprofloxacina appare essere quello più attivo nei confronti del micorganismo; leggermente minore l'azione antibiotica della levofloxacina, gli altri fluorchinolonici sono per nulla o scarsamente efficaci.

Frutta e verdura

Si raccomandano almeno 5 porzioni, tra frutta e verdura, al giorno (verdure a foglia verde e crocifere, agrumi e succhi di agrumi)
Folati, fibre, potassio, flavonoidi ed altre vitamine in esse contenute probabilmente sono i nutrienti che forniscono benefici

Verdure a foglia verde e frutta ricca di vitamina C riducono:
-il rischio cardiovascolare
-il rischio di ictus ischemico
-la pressione sanguigna ed il rischio di ipertensione
-i tumori gastrointestinali, compreso quelli del colon-retto

L'aumentato introito di frutta e verdure non ha effetto sul rischio di cancro al seno

12 giugno 2016

PROSTATITE NON BATTERICA

L'eziologia di questa sindrome è in gran parte dei casi poco chiara
Improbabile che la causa sia dovuta alla persistenza di microrganismi atipici come la clamidia o l'ureaplasma
In definitiva é una sindrome che si manifesta con:
dolore addominale, pelvico, perineale o rettale
disturbi della funzione sessuale
assenza di batteri nelle urine (e nel liquido ottenuto da massaggio prostatico)

Il dolore quindi è il segno distintivo di questa condizione

Valutazione
Si tratta di una diagnosi di esclusione
Di conseguenza, devono essere esclusi i problemi comuni
Dovranno essere praticati:
-un'urinocoltura per batteri
-la determinazione dell'antigene specifico per la prostata (PSA) per escludere un cancro della prostata
-l'esame rettale della prostata per escludere tumori rettali distali e anomalie della prostata
-l'ecografia transaddominale per escludere un ascesso prostatico
-la ricerca di cellule infiammatorie nella secrezione prostatica
N.B. Il massaggio prostatico non dovrebbe essere fatto se si sospetta una prostatite batterica franca


Trattamento
Controllo del dolore
gli agenti anti-infiammatori (FANS) sono in genere utilizzati ma risultano di moderato beneficio
i narcotici dovrebbero essere utilizzati solo in casi selezionati
il massaggio prostatico può essere efficace in alcuni pazienti
semicupi e/o bagni caldi in una vasca possono aiutare ad alleviare i sintomi
i bloccanti alfa-adrenergici possono certamente essere utili in questa sindrome

Trattamento antibiotico
Anche con le colture negative, gli antibiotici vengono usati in questa condizione
Il TMP/SMX è solitamente di prima linea
I fluorochinoloni, la doxiciclina o l'azitromicina sono di seconda scelta
Un trattamento di 10-30 giorni con i suddetti antibiotici può essere utilizzato anche in assenza di chiare infezioni
Alcuni pazienti con prostatite con colture negative avranno, in tal caso, un beneficio clinico

11 giugno 2016

Insufficienza aortica, trattamento

Riduci la pressione arteriosa (riduzione dell' afterload) per diminuire il flusso che rigurgita nel cuore:

-nifedipina 20mg due volte al di, (ma non la digossina), è stata indicata per ritardare il tempo di sostituzione della valvola

-enalapril che sembra essere superiore all'idralazina nel ridurre la dilatazione del VS a 12 mesi

nota che la nifedipina 20mg due volte al di o l'enalapril 20mg al di non hanno prolungato il tempo di sostituzione della valvola nei confronti del placebo in pazienti con insufficienza aortica severa ma asintomatica con normale frazione di eiezione del ventricolo sinistro

Evita gli agenti che riducono la frequenza cardiaca come ß-bloccanti o verapamil (essi infatti prolungano la diastole)

Tratta i sintomi di insufficienza cardiaca congestizia con diuretici, ACE-inibitori


Trattamento chirurgico
Si programma nel momento in cui:

1) si manifestano i sintomi dello scompenso cardiaco (classe NYHA III o IV)
o
2) al controllo ecocardiografico si evidenzia:
- una diminuzione della frazione di eiezione e un diametro telediastolico superiore a 50-55 mm, mentre il rapporto cardiotoracico alla radiografia è superiore a 0,6

L'intervento é consigliato anche con frazione di eiezione del VS inferiore a 55% (anche in caso di classe NYHA II)

Il trattamento chirurgico prevede la sostituzione valvolare o la riparazione.

La terapia di scelta è la sostituzione della valvola aortica.

Perdita di peso, cause

Ingestione di cibo insufficiente
anoressia nervosa
malnutrizione severa
periodi di carestia
demenza

Cause neurologiche
malattia ipotalamica
malattie cerebrali diffuse (infezioni, neoplasie)

Sindrome da malassorbimento
lesioni costrittiva
deficit enzimatici
malattie infiammatorie
sindrome dell'intestino irritabile

Infezione cronica
infezione da HIV - generalmente severa ("AIDS devastante")
tubercolosi
infezioni fungine
infezioni da parassiti

Cachessia associata a neoplasia maligna

Insufficienza surrenalica (corticale) (morbo di Addison)

Ipertiroidismo (tireotossicosi)- aumentato appetito

Diabete mellito con proteinuria - aumento dell'appetito

Lipodistrofie

Insufficienza cardiaca

8 giugno 2016

FRATTURE, PREVENZIONE

L'assunzione di calcio e vitamina D deve essere ottimizzato

Calcio + vitamina D non hanno ridotto le fratture negli anziani con precedenti fratture da trauma lieve
I bifosfonati di seconda generazione (come l'alendronato) sono molto efficaci

La terapia di rimpiazzo ormonale (HRT) e i SERMS (Selective estrogen receptor modulator) riducono anche il rischio di frattura

La terapia ormonale sostitutiva (costituita dagli agonisti dei recettori degli estrogeni) previene anche le fratture non vertebrali per circa 27% dei casi rispetto al placebo, ha però un'attività uterotropica e proliferativa, e puó aumentare l'incidenza di tumori dell'utero nelle donne in terapia.

Il raloxifene (Evista®), un SERM (Selective estrogen receptor modulator) ovvero modulatore selettivo del recettore degli estrogeni è in genere preferibile alla terapia ormonale

5 giugno 2016

Pseudosciatica

Osteoartrosi - malattia dell'anca

Borsite trocanterica

Meralgia parestesica

Amiotrofia diabetica

Claudicatio vascolare - pseudoclaudicatio

Simulazione

Vit. B12, farmaci che causano ridotti livelli di

Acido aminosalicilico
Anticonvulsivanti
Acido ascorbico
Aspirina
Carbamazepina
Clorpromazina
Colestiramina
Cimetidina
Colchicina
Metformina
Neomicina
Nitroprusside
Octreotide
Ranitidina
Rifampicina
Triamterene

CERCA UN ARGOMENTO