RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI

19 luglio 2016

Resistenza ai diuretici nello scompenso cardiaco

La resistenza ai diuretici è molto comune nello scompenso in fase avanzata (classe III e IV)

Quali possono essere i meccanismi di resistenza ai diuretici
Azotemia prerenale
Riassorbimento aumentato del sodio (Na +) a causa di ormoni controregolatori
Livelli elevati di ACE
Livelli elevati di aldosterone
Livelli elevati di ormone antidiuretico (vasopressina)
Ridotto effetto dei diuretici dell'ansa a livello dei siti attivi

Trattamento
La limitazione dei liquidi a meno di 1,5 L al giorno è fondamentale
Inizialmente sono usate dosi maggiori di diuretici e.v.
Agenti in combinazione sono spesso necessari in caso di resistenza
Lo spironolattone può essere aggiunto ai diuretici per ottenere un'ulteriore efficacia in classe III/IV
Evitare i farmaci nefrotossici tra cui fans (inclusi gli agenti specifici COX-2)
Combinazioni di diuretici dell'ansa e diuretici tiazidici o metolazone, sono di solito efficaci
Il metolazone (2,5-10mg/d) è l'agente preferito poiché blocca siti prossimale e distale
Se viene impiegato lo spironolattone, i livelli di K devono essere controllati molto attentamente
L'acetazolamide può essere aggiunta, solitamente per breve periodo, soprattutto quando é presente l'alcalosi
Tolvaptan, un bloccante selettivo della vasopressina (ADH), aumenta l'eliminazione di acqua senza provocare ipokaliemia o ipotensione nello scompenso acuto



RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI