RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

29 agosto 2012

CONTROLLO DELL'IPERTENSIONE NELLA NEFROPATIA DIABETICA


Un buon controllo della pressione arteriosa migliora drasticamente la prognosi renale.  

La pressione arteriosa solitamente è proporzionale all'aumento dell'escrezione di albumina

Un buon controllo della pressione arteriosa riduce il declino della velocità di filtrazione glomerulare associata alla nefropatia diabetica  

Aceinibitori o sartani possono limitare la progressione verso l'insufficienza renale terminale  

Va sottolineata anche l'importanza di una dieta povera di sale <5 g / die  Terapia farmacologica  
Sebbene gli inibitori del sistema renina-angiotensina (ACEI, ARB) siano preferiti  questa pratica non è sempre basata sull'evidenza. 

Solitamente vi e' bisogno di una multi terapia  

Iniziare con basse dosi di Ace inibitori (ad esempio, ramipril) o ARB (es. irbesartan) ed aumentare fino alla dose massima che il paziente e' in grado si sopportare 

 L'obiettivo da raggiungere e' una PA <130/80 con:  

diuretici dell'ansa 

calcio-antagonisti non-diidropiridinici  (ad esempio, diltiazem)  

Β-bloccanti 

La terapia di combinazione con ACEI e ARB puo' avere effetti additivi nel ridurre la ​​proteinuria e quindi nel rallentare la progressione. 

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI