RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

15 maggio 2021

L'acido ialuronico



La viscosupplementazione intraarticolare è comunemente utilizzata per la gestione dell’ artrite sintomatica del ginocchio.

A tal proposito gli studi riferiscono modesti o nessun beneficio. 

Ma...

una meta-analisi ha constatato che la viscosuplementazione intraarticolare con derivati dell'acido ialuronico è efficace nella gestione dell’ osteoartrosi del ginocchio.

Il miglioramento durante un periodo di 5-13 settimane dopo l’ iniezione è stato del 28% al 54% per il dolore e dal 9% al 32% per la funzionalitá.


Le analisi hanno suggerito che diversi prodotti di acido ialuronico esercitano effetti terapeutici differenti e che la risposta è  tempo dipendente


Tuttavia, in una successiva meta-analisi di 18 grandi studi con una valutazione dei risultati in doppio cieco, l’ iniezione intraarticolare di acido ialuronico è stata associata ad un effetto clinicamente irrilevante  


L’ analisi dei dati solo da studi controllati con placebo con basso rischio di pregiudizio indica che l’ acido ialuronico intraarticolare fornisce un beneficio modesto, ma reale, per i pazienti con OA del ginocchio 


La viscointegrazione può essere utilizzata oltre alle misure non farmacologiche ed alle iniezioni locali di corticosteroidi intraarticolari.

14 maggio 2021

Complicanze dell'alimentazione parenterale


Complicanze dovute al posizionamento del catetere (pneumotorace, emotorace o aritmia)


Infezione del catetere


Altre infezioni (dovute ad immunosoppressione)


Squilibri metabolici (iperglicemia, ipoglicemia, squilibri elettrolitici, sovraccarico di liquidi)

7 maggio 2021

Influenza: alcune regole per prevenirla

L’influenza stagionale è una delle malattie invernali più fastidiose e rappresenta una patologia infettiva altamente contagiosa e molte persone la contraggono quasi ogni anno con i primi freddi.

L’influenza, normalmente, si risolve in pochi giorni e presenta sintomi comuni come febbre, problematiche alle vie respiratorie, mal di gola, raffreddore e in alcuni casi presenta sintomi più gravi. I soggetti più colpiti sono le categorie più fragili, in particolare gli anziani o le persone con malattie pregresse e difese immunitarie basse. L’influenza diventa grave quando si sovrappone ad altri disturbi.

Le cause dell’influenza possono essere varie ma, generalmente, è causata dai virus RNA che mutano velocemente e assumono ogni anno caratteristiche diverse.

In questo articolo andremo a vedere nel dettaglio quali sono i sintomi e come si può prevenire l’influenza seguendo alcune semplici regole da applicare nella quotidianità.

Viruprotect_google-250x250-medicinainternaonline.gif

Come prevenire l’influenza con piccoli gesti

L’arrivo dell’inverno, si sa, porta il classico raffreddore e mal di gola, a causa delle temperature che calano drasticamente, del vento freddo, della pioggia e della forte umidità.

Tuttavia, ci sono delle semplici regole che permettono di prevenire il virus influenzale nei mesi più freddi. 

L’influenza stagionale circola maggiormente negli ambienti chiusi e poco ventilati, essendo altamente contagiosa è bene seguire queste poche e semplici abitudini quotidiane:

       Lavarsi spesso le mani: sono soggette ogni giorno a migliaia di batteri, perché quotidianamente si è a contatto con tutto. Bisogna quindi lavare accuratamente le mani quando si è fuori casa o utilizzare un disinfettante prima di toccare la faccia, in particolare occhi, naso e bocca.

       Evitare il contatto ravvicinato con persone malate: in presenza di persone soggette a influenza, è sconsigliato stare a stretto contatto e condividere cibo, baci e contatti fisici di ogni genere. Quando si è in casa, è preferibile arieggiare l’ambiente in modo alternato.

       Evitare i luoghi affollati: anche se è difficile, in particolar modo nelle grandi città, è bene evitare di stazionare in modo prolungato nei luoghi affollati che rappresentano la principale sede dove è possibile contrarre l’influenza.

       Coprirsi per bene: con le temperature più fredde, il vento e la pioggia, è consigliato non esporre naso e gola al freddo e coprirsi con vestiti pesanti e con una sciarpa.

       Mangiare frutta e verdura o prendere le vitamine: la vitamina C è fondamentale durante l’inverno e la si può ottenere con gli agrumi, i kiwi, l’ananas, il ribes nero, cavoli e spinaci. È bene fare il pieno anche di altre vitamine, come la vitamina A ed E per l’azione antiossidante, la vitamina B è fondamentale per stimolare il processo di guarigione e per ottenere più energia.

       Utilizzare gli integratori per le difese immunitarie: gli integratori sono fondamentali per combattere l’influenza e per migliorare la performance delle difese immunitarie. È bene fare delle analisi prima di acquistare gli integratori ed è preferibile scegliere tipologie di integratori di origine naturale.

Sintomi dell’influenza

I sintomi dell’influenza stagionale sono tanti e diversi tra di loro, comprendono sia la totale assenza di manifestazioni che i decorsi clinici gravi, che solitamente sono la polmonite e l’encefalite. I sintomi più comuni includono la febbre, la tosse, il mal di gola, i dolori muscolari e articolari, il mal di testa e una sensazione di malessere generali.

I quadri sintomatologici più complicati sono più comuni nei bambini, negli anziani, nelle donne in gravidanza e nei soggetti con difese immunitarie debilitate o con patologie croniche. L’influenza stagionale grave può essere causata dal virus oppure può derivare da altre infezioni di tipo batterico o virale, che si verificano quando le difese dell’organismo sono basse.

3 maggio 2021

Come tratti l'ipercolesterolemia (in breve)

 L’ ipercolesterolemia è trattata con modifiche dello stile di vita, quali cambiamenti dietetici, esercizio fisico e cessazione del fumo, nonché con interventi farmacologici mediante terapia con statine e con uso selettivo dell’ inibitore dell’ assorbimento del colesterolo  ezetimibe o con gli inibitori della proteina PCSK9 (proproteina convertasi subtilisina/kexina tipo 9)

Gli inibitori di PCSK9 sono anticorpi monoclonali umani, molto efficaci: essi riducono infatti i livelli di LDL-C di almeno il 50 - 70%, indipendentemente dalla presenza di una terapia ipolipemizzante di base.

24 aprile 2021

Sentire bene : lo specialista in apparecchi acustici a prezzi scontati


Sentire Bene
è un'azienda in grado di offrire una serie di apparecchi acustici a prezzi scontati e convenienti. Si tratta di dispositivi delle migliori marche, tra queste Starkey, Resound, Signia, Widex e Oticon.

Quando una persona si rende conto di avere bisogno di un apparecchio per migliorare l'udito, al contempo necessita di essere costantemente accompagnata durante le singole fasi del percorso; a partire dalla scelta e continuando con l'applicazione e l'acquisto delle protesi. È importante che ciò avvenga ottenendo un risultato ottimale: oltre a ottenere un ascolto qualitativo, gli esperti di sentire bene si prefiggono come mission quella di garantire una servizio trasparente, che faccia sentire rassicurata la persona. Scopri di più su questa azienda e sui suoi diversi apparecchi acustici.

La cura del paziente

L'azienda specializzata Sentire Bene si preoccupa di ideare soluzioni adatte per ogni paziente, personalizzandole nel dettaglio, perché ogni singolo soggetto è diverso dagli altri, sebbene tutti siano accomunati da alcune caratteristiche.

La vasta gamma di protesi acustiche Sentire Bene sono in grado di rispondere ai bisogni dei pazienti più esigenti: grandi marche di apparecchi assicurano ottimo risultato e ottimale adattamento alle esigenze personali di ascolto.

Gli audioprotesisti di Sentire Bene si occupano di applicare uno degli apparecchi acustici scelto tra i 6 gruppi principali, ognuno dei quali offre specifiche soluzioni e vantaggi per donare nuovamente una qualità di vita sana e serena ai pazienti. Siamo preoccupati quotidianamente per la salute dell'udito dei nostri pazienti.

Affidarsi a Sentire Bene

Il cliente che si affida a Sentire Bene, fino a 30 giorni dopo l'acquisto e se entro un raggio di 20 km troverà un servizio equiparabile al suo, potrà ottenere il rimborso della differenza e regolazioni illimitate e gratuite.

Fino a 15 giorni di prove gratuite e senza impegno per provare il dispositivo durante la quotidianità.

Dopo l'acquisto è possibile avere pulizia e manutenzione illimitate e gratuite durante l'intero arco di vita del dispositivo.

Il pagamento può anche essere dilazionato in 4 rate che potranno essere pagare senza tassi di interesse aggiuntivi e usufruire inoltre, della garanzia di 2 anni sull'apparecchio acustico.

15 aprile 2021

Encefalite, diagnosi differenziale

Infezioni batteriche: ascesso cerebrale, encefalopatie tossiche, tubercolosi

Infezioni protozoali


Malattia di Behçet


Encefalite lupica


Sindrome di Sjögren


Sclerosi multipla


Sifilide


Criptococcosi


Toxoplasmosi


Brucellosi


Meningite leucemica o linfomatosa


Altri tumori metastatici


Malattia di Lyme


Malattia da graffio di gatto


Sindrome di Vogt-Koyanagi-Harada


Meningite di Mollaret

12 aprile 2021

La terapia empirica delle infezioni delle vie urinarie (UTI)

La terapia empirica delle UTI non complicate deve dipendere dalle più recenti linee guida di antibioticoterapia e dai modelli di resistenza uropatogena in una comunità.


In una comunità con incidenza superiore al 20% di resistenza dell'E. coli:

-nitrofurantoina 100 mg  per 7 giorni è il trattamento della scelta

-chinoloni come terapia di seconda linea.


In una comunità con resistenza < 20% da parte dell'E. coli

-trimetoprim/sulfametoxazolo 160/800 due volte al giorno per 3 giorni è accettabile anche come terapia di prima linea

-chinoloni ancora considerati terapia di seconda linea.


La fenazopiridina (piridium), un rilassante dei muscoli lisci, può essere prescritta per un sollievo dello spasmo.

Le infezioni fungine o la candiduria devono essere trattate con fluconazolo (Diflucan) 200 mg al giorno per 2 settimane.



Le linee guida per il trattamento della pielonefrite acuta sono le stesse che per le UTI non complicate, tranne la durata della terapia antimicrobica più lunga (10-14 giorni).


Il trattamento per la pielonefrite acuta è tipicamente 

-levofloxacina (Levoxacin) (750 mg al giorno) o ampicillina (1 g ogni 6 h).


La pielonefrite acuta deve risolversi entro 48-72 ore

Se i pazienti non migliorano, si devono effettuare

-un esame ecografico o 

-una TAC 

per valutare la possibilitá di 

-un ascesso renale o di 

-ostruzione uretrale.

11 aprile 2021

Sepsi di origine sconosciuta, terapia empirica

1)Piperacillina/tazobactam 4,5 g ogni 6h (o meropenem 2 g ogni 8h)

più 


2)vancomicina 1 g ogni 12h 


più 


3)tobramicina 7 mg/kg ogni 24h 



Svolgere studi appropriati di immagini, specialmente dell'addome, pelvi, sistema nervoso centrale

Malattia renale cronica e diabete


Nei pazienti diabetici, gli obiettivi glicemici devono essere individualizzati. 


Per molti pazienti è appropriato un obiettivo di HbA1c <7% . 


Tuttavia, l’ HbA1c tra 7,0% -7,9% può essere più appropriata in alcuni pazienti, come quelli con età avanzata, aspettativa di vita limitata, malattia cardiovascolare nota, rischio elevato di ipoglicemia grave o difficoltà a raggiungere obiettivi di HbA1c più bassi nonostante l’ uso di farmaci antiiperglicemici e insulina. 


Nei pazienti diabetici e con malattia renale cronica esiste un rischio di ipoglicemia a causa di una ridotta clearance renale dei farmaci, come l'insulina (due terzi dell'insulina è degradata dal rene) o le sulfoniluree, e a causa di una ridotta gluconeogenesi renale.


I pazienti con diabete di tipo 1 richiedono un trattamento con insulina, indipendentemente dal fatto che siano in dialisi o meno.


Alcuni farmaci antiperglicemici specifici riducono in modo significativo la mortalità per cause cardiovascolari o eventi cardiovascolari maggiori o complicanze renali in alcuni sottogruppi di pazienti e possono essere considerate indipendentemente dagli obiettivi HbA1c.


Tra i farmaci antiiperglicemici che riducono la mortalità cardiovascolare in alcuni sottogruppi di pazienti, si menzionano: 

metformina 

inibitori del co-trasportatore di sodio-glucosio 2 (SGLT2) (empaglutizina, canagliflozina) 

agonisti del peptide-1 (GLP-1)  (liraglutide).


Esiste la prova che l’ uso di inibitori SGLT2 previene notevolmente eventi avversi renali (ad esempio la dialisi, il trapianto o la morte a causa di malattie renali) nelle persone con diabete di tipo 2. 


Gli inibitori della SGLT2, oltre a ridurre l'iperglicemia, hanno benefici renali attraverso effetti indipendenti sul riassorbimento tubulare del glucosio renale, peso, pressione arteriosa, albuminuria, e rallentano il declino del GFR.


L’ uso di inibitori SGLT2 non è generalmente raccomandato in pazienti con eGFR <45 mL/ minuto/ 1,73 m2 (<60 mL/ minuto/ 1,73 m2 per l’ ertugliflozina).


Tuttavia, lo studio CREDENCE, che comprendeva pazienti con eGFR tra 30-90 mL/ minuto/ 1,73 m2  ha dimostrato un rischio diminuito  di insufficienza renale e di eventi cardiovascolari.

L’ uso di inibitori SGLT2 è controindicato in pazienti con eGFR <30 mL/ minuto/ 1,73 m2, compresi i pazienti con malattia renale allo stadio terminale che sono in dialisi.



Gli agonisti GLP-1 hanno effetti positivi cardiovascolari, sulla mortalità e progressione dell'insufficienza renale in pazienti con diabete di tipo 2.


L’ esperienza con agonisti GLP-1 in pazienti con disfunzione renale è limitata; pertanto, questi agenti devono essere usati con cautela.

La liraglutide, l'albiglutide, il dulalutide e la semaglutide non sono escreti per via renale e sono gli agenti preferiti di questa classe. 



Gli studi riferiscono che gli inibitori della dipeptidil peptidasi-4 (DPP-4) sono renoprotettivi, ma non hanno dimostrato un beneficio cardiovascolare. 

Alcuni inibitori della DPP-4 richiedono un aggiustamento della dose nell’ insufficienza renale.

9 aprile 2021

Ecografia tiroidea


Indicazioni


Noduli tiroidi 

Tireomegalia

Gozzo multinodulare

Anomalie delle paratiroidi

Per dirigere la biopsia guidata dall'immagine



Vantaggi


Non invasiva

Veloce

Assenza di radiazioni ionizzanti



Svantaggi


La Biopsia per aspirazione con ago fine é necessaria per la diagnosi definitiva

Possono non distinguersi i noduli di diametro inferiore a 1 cm

Interpretazione delle grandi cisti (>4 cm) spesso difficile a causa della presenza di aree di degenerazione cistica o emorragica



Osservazioni


Gli ultrasuoni sono un'ottima modalità per dimostrare l'anatomia della tiroide e per guidare l'aspirazione della biopsia o della cisti


L’ ecografia tiroidea è utile anche per rilevare anomalie delle paratiroidi


Circa il 70% delle lesioni paratiroidee sono evidenti all'ecografia

Glutammico piruvico transaminasi (gpt) ovvero alanin amino transferasi (alt)


Elevata in caso di: 


malattie epatiche (ad es. epatite, cirrosi, sindrome di Reye)


abuso di alcol


uso di farmaci, ad esempio:

paracetamolo

statine

farmaci antinfiammatori non steroidei [FANS]

antibiotici

steroidi anabolizzanti

stupefacenti

eparina

labetalolo

amiodarone

clorpromazina

fenitoina


congestione epatica


infezioni quali mononucleosi


metastasi epatiche


infarto miocardico 


miocardite


grave trauma muscolare


dermatomiosite o polimiosite


distrofia muscolare


neoplasie


infarto renale e polmonare


convulsioni


eclampsia


disidratazione (aumento relativo)


ingestione di erbe cinesi





Ridotta in caso di: 

 

azotemia aumentata


malnutrizione avanzata


dialisi renale cronica


malattia epatica cronica alcolica


uso di metronidazolo

6 aprile 2021

Influenza, complicanze e terapia antibiotica

Per alcune complicanze dell’ influenza, come: 

-polmonite batterica

-sinusite 

-otite media 

può essere necessaria una terapia antibiotica.


La polmonite batterica secondaria è un'importante complicanza dell'influenza stagionale e contribuisce al 25% di tutte le morti stagionali causate dall'influenza.


I batteri più comuni associati alla polmonite nel contesto della co-infezione influenzale sono: 

-Streptococcus pneumoniae

-Staphylococcus aureus

-Haemophilus influenzae


Gli antibiotici dovrebbero mirare a questi organismi.

1 aprile 2021

L'atorvastatina riduce l'incidenza di ictus ed eventi cardiovascolari

Nei pazienti con ictus recenti o TIA e senza cardiopatie coronariche, 80 mg di atorvastatina al giorno hanno ridotto l’incidenza complessiva di ictus e di eventi cardiovascolari, nonostante un lieve aumento dell’ incidenza di ictus emorragico. 

27 marzo 2021

Comportamento aggressivo, cause

1)Droghe, ad esempio:

fenciclidina (PCP)

alcool

cocaina

anfetamine

steroidi anabolici




2)Disturbo del controllo degli impulsi




3)Malattia psichiatrica, ad esempio: 


schizofrenia


disturbo della personalità


mania




4)Psicosi dovuta ad altre cause

24 marzo 2021

Distribuzione dei vaccini Covid-19, urge un cambio marcia


L’Europa e l’Italia stanno affrontando una fase di stallo per quanto riguarda la distribuzione e la somministrazione dei vaccini anti-Covid, trovandosi a dover fare i conti con la realtà e a ricredersi sulle tempistiche che vogliono vedere vaccinata il 70% della popolazione adulta entro l’estate.

A tutt’altro ritmo viaggiano USA e Cina, che si collocano rispettivamente al primo e al secondo posto per numero di dosi dispensate, per non parlare di Israele, i cui abitanti hanno già ricevuto per più del 50% la prima dose. Le ripercussioni economiche di questi ritardi saranno inevitabili, perché senza un piano vaccinale rigorosamente rispettato, le restrizioni non potranno essere allentate, prolungando il fermo di molte attività economiche.

Le cause dei rallentamenti di consegna

Le motivazioni dei rallentamenti sono imputabili a più parti, tra cui rientrano i limiti burocratici che in Italia spesso e volentieri si fanno sentire, a cui si è aggiunta una forte disorganizzazione che ha spinto le Regioni a muoversi in maniera diversa l’una dall’altra. Le lacune nel piano vaccinale si sono viste in particolar modo con AstraZeneca, di cui sono state consegnate poche dosi rispetto a quanto previsto, anche a causa dell’Aifa (Agenzia italiana del farmaco) che ha deciso di somministrarlo agli under 55, in contrasto con le decisioni prese negli altri Paesi dove il limite per disporre dei vaccini Covid-19 è stato stabilito a 65 anni. Inoltre l’Italia, in rapporto agli altri Stati europei che stanno affrontando difficoltà simili nel ricevere le dosi, sta scivolando negli ultimi posti della classifica in rapporto alle quantità dispensate.

I vari governi nazionali a livello europeo hanno studiato con attenzione le aziende farmaceutiche, per capire su quale fare affidamento per assicurarsi le dosi, mentre il Regno Unito si è mosso in autonomia, autorizzando Moderna, AstraZeneca e Pfizer-BioNTech rapidamente per disporre di quanti più vaccini possibili. L’Unione Europea ha perso tempo nelle negoziazioni contrattuali relative alle eventuali problematiche che i vaccini potrebbero provocare a livello di salute, al contrario degli USA che hanno previsto una copertura assicurativa alle case farmaceutiche in relazione a questa tematica, muovendosi quindi in maniera attiva, pur assumendosi dei rischi.

Il comportamento delle case farmaceutiche

Negli intricati fili delle responsabilità rientra anche l’atteggiamento assunto dalle case farmaceutiche, che mantengono la segretezza sui loro brevetti, rendendo difficile la condivisione della conoscenza scientifica, fondamentale per combattere in maniera efficace il virus. Il monopolio delle aziende farmaceutiche va a scapito di tutte le risorse investite anche da parte del settore pubblico, che ha contribuito a incrementare gli studi per giungere alla soluzione del problema, così come il coinvolgimento dei governi e delle aziende di trasporto vaccini. La conseguenza di questo comportamento viene rintracciata nella mancata diffusione su scala globale del vaccino, mettendo a repentaglio la salute della collettività, in particolare delle popolazioni più povere e a rischio, lasciando alla pandemia la libertà di diffondersi a piede libero. Si stima che al momento solo 1/3 della popolazione mondiale potrà vaccinarsi: due dei principali colossi farmaceutici impegnati nella produzione dei vaccini anti-Covid hanno riservato le dosi ai paesi più ricchi.

La crisi in merito alla fornitura delle dosi è provocata anche dalle modalità operative di questo sistema, contrastabili solo attraverso la sospensione delle regole che disciplinano la protezione della proprietà intellettuale dei brevetti, che aprirebbe la strada alla produzione di massa dei vaccini da parte di nuove aziende. Per rendere aperti i brevetti i singoli Stati possono agire servendosi delle leggi sulle licenze obbligatorie, che prevedono la possibilità di richiedere alle aziende farmaceutiche un numero più elevato di dosi, imponendo la condivisione delle “ricette” dei vaccini da parte delle imprese.

Le Regioni vogliono l’autonomia

In questo quadro caotico le Regioni scalpitano per entrare in possesso delle dosi di vaccino in maniera autonoma, in particolare i governatori del Nord. Il tema è complesso, poiché la salute è generalmente di competenza nazionale , con un coordinamento dell’UE per quanto riguarda determinati aspetti. Alla luce di una situazione pandemica a livello globale, sono stati stipulati accordi di acquisto anticipato dei vaccini da parte di una squadra di negoziatori, in presenza della Commissione europea e degli Stati membri. Ciò implica l’impossibilità di aprire negoziati paralleli, a meno che non vengano iniziati con società con cui non sono stati ancora effettuati accordi in precedenza. In tal caso Stato e Regioni possono giungere a un compromesso, permettendo ad aziende di trasporto farmaci qualificate di agevolare i processi di consegna delle dosi, rispettando le norme previste grazie alla messa a disposizione di un personale qualificato. L’autorizzazione da parte del governo aiuterà a diffondere in maniera capillare i vaccini, contribuendo all’approvvigionamento di un maggior numero di dosi che potrebbero essere somministrate anche al comparto dei trasporti sanitari stessi, che nella fase di emergenza si è speso, guidato da un forte senso del dovere, nella consegna di beni di prima necessità, rientrando a pieno titolo nelle categorie prioritarie, in quanto elemento imprescindibile della catena logistica incaricato di distribuire i vaccini.

23 marzo 2021

Botulismo, diagnosi differenziale

Poliomielite

Sindrome di Guillain-Barré


Miastenia gravis


Infarto cerebrale o insufficienza vertebrobasilare


Paralisi da zecca


Avvelenamento da organifosfati

Malattia da graffio di gatto, diagnosi differenziale

Linfoadenopatia dovuta ad altre infezioni batteriche

Linfoma


Linfadenite tubercolare (scrofola)


Toxoplasmosi


Tularemia


Malattia di Kikuchi (linfoadenite istiocitica necrotizzante)

22 marzo 2021

Coagulazione intravascolare disseminata, diagnosi differenziale con altre coagulopatie

È importante distinguere la coagulazione intravascolare disseminata da altre condizioni. 

Queste possono essere:


1)malattie epatiche 

ove si osservano:

piastrine basse e 

PT e PTT prolungati ma 

fibrinogeno normale, (tranne che in malattie epatiche gravi, che possono mostrare basso fibrinogeno), 


2)carenza di vitamina K 

ove si osserva:

prolungamento PT/PTT, fibrinogeno


3)porpora trombotica trombocitopenica/sindrome emolitico-uremica

ove si osserva:

anemia emolitica microangiopatica e trombocitopenia ma normali PT, PTT e fibrinogeno

Stomatite, trattamento


Sciacqui orali con


Fisiologica 0,9%  

Bicarbonato di sodio

Clorexidina 0,12-0,2%



Anestetici topici


Lidocaina 

Benzocaina (spray, gel)

Difenidramina 



Combinazioni


Idrossido di alluminio/difenidramina

Lidocaina viscosa



Analgesici


Oppioidi per via orale o endovenosa

19 marzo 2021

Le extrasistoli ventricolari


I sintomi


I sintomi causati dalle extrasistoli ventricolari sono spesso i seguenti:

palpitazioni

vertigini

dolore toracico

dispnea o ortopnea

ridotta tolleranza all' esercizio fisico e 

affaticamento


la tosse di eziologia sconosciuta, deve anche essere valutato per  la presenza di extrasistoli ventricolari, poiché queste possono causare tosse come unico sintomo. 


Le extrasistoli ventricolari sono state anche associate a disfagia, soprattutto quando intermittente, nonché a sensazione di soffocamento o vomito parossistico. 


la sincope non è comune in caso di extrasistoli ventricolari, ma, se presente, rappresenta un campanello d'allarme per la presenza di aritmie maligne.



Le cause

Le extrasistoli ventricolari

sono associati a una moltitudine di processi cardiaci patologici, incluse:

insufficienza cardiaca

ischemia miocardica

ipertrofia ventricolare sinistra

tachicardia ventricolare idiopatica e 

displasia ventricolare destra. 


Le extrasistoli ventricolari possono anche essere associati a:

malattie polmonari o tiroidee

uso di beta agonisti

consumo di alcool e caffeina 

uso di cocaina, anfetamine o altre droghe



Approccio alle extrasistoli ventricolari


Le extrasistoli ventricolari sono riscontrate dal 40% al 75% dei pazienti in monitoraggio holter e nell’1% degli ECG. 

Esse sono definite frequenti se vengono osservate su un ECG o se sono presenti ad una frequenza superiore a 30 all'ora sul monitoraggio Holter. In questo caso si è registrato un aumento significativo del rischio cardiovascolare e della mortalità. 


Le extrasistoli ventricolari sono un fattore di rischio indipendente per mortalità cardiovascolare nell’ insufficienza cardiaca e sono associate anche ad anomalie dell'eiezione e del movimento della parete cardiaca.


I pazienti con storia familiare di extrasistoli ventricolari frequenti devono essere valutati per la presenza di canalopatie ereditarie come la tachicardia ventricolare polimorfica catecolergica


Nei pazienti con extrasistoli ventricolari ma senza malattie coronariche di base o malattie cardiache strutturali, il decorso clinico è generalmente benigno. 


Va ricordato  omunque che i pazienti con una storia di extrasistoli ventricolari possono sviluppare coronaropatie o malattie cardiache sottostanti, per cui devono  essere rivalutati periodicamente.



Trattamento


 Le cause sensibili al trattamento sono: 

le anomalie elettrolitiche

l'ipossia

i farmaci e le droghe (sospensione!)


Il trattamento per coloro che presentano extrasistoli ventricolari sintomatiche include i beta bloccanti o i calcioantagonisti non diidropiridinici.


Non è necessario un trattamento nei pazienti asintomatici, ma é utile il monitoraggio


L’ uso di farmaci antiaritmici per il trattamento delle extrasistoli ventricolari non è stato dimostrato di beneficio nei pazienti con cardiomiopatia. 


Inoltre, il trattamento per sopprimere le extrasistoli ventricolari non è indicato dopo un infarto miocardico


Se il paziente ha una quantitá importante di extrasistoli ventricolari, (superiore al 15%) é indicata la consulenza un esperto aritmologo



Prognosi

L'indicatore prognostico più importante per le extrasistoli ventricolari è la presenza o l'assenza di malattie cardiache strutturali. 

Le extrasistoli ventricolari multifocali sono considerate fattori di rischio per eventi cardiovascolari avversi.