RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

12 aprile 2021

La terapia empirica delle infezioni delle vie urinarie (UTI)

La terapia empirica delle UTI non complicate deve dipendere dalle più recenti linee guida di antibioticoterapia e dai modelli di resistenza uropatogena in una comunità.


In una comunità con incidenza superiore al 20% di resistenza dell'E. coli:

-nitrofurantoina 100 mg  per 7 giorni è il trattamento della scelta

-chinoloni come terapia di seconda linea.


In una comunità con resistenza < 20% da parte dell'E. coli

-trimetoprim/sulfametoxazolo 160/800 due volte al giorno per 3 giorni è accettabile anche come terapia di prima linea

-chinoloni ancora considerati terapia di seconda linea.


La fenazopiridina (piridium), un rilassante dei muscoli lisci, può essere prescritta per un sollievo dello spasmo.

Le infezioni fungine o la candiduria devono essere trattate con fluconazolo (Diflucan) 200 mg al giorno per 2 settimane.



Le linee guida per il trattamento della pielonefrite acuta sono le stesse che per le UTI non complicate, tranne la durata della terapia antimicrobica più lunga (10-14 giorni).


Il trattamento per la pielonefrite acuta è tipicamente 

-levofloxacina (Levoxacin) (750 mg al giorno) o ampicillina (1 g ogni 6 h).


La pielonefrite acuta deve risolversi entro 48-72 ore

Se i pazienti non migliorano, si devono effettuare

-un esame ecografico o 

-una TAC 

per valutare la possibilitá di 

-un ascesso renale o di 

-ostruzione uretrale.