RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

12 gennaio 2024

Ictus ischemico alcuni ragguagli

I pazienti con ictus ischemico acuto devono essere trasportati in un ospedale qualificato per la cura dell'ictus. 

I pazienti con ictus ischemico acuto devono essere curati in una stroke unit o in un'unità di cura intensiva. 

A seconda della gravità e della durata dei sintomi, il paziente può beneficiare di un intervento endovascolare immediato in uno stroke center, anche se non è candidato per TPA e.v.

Una volta che il paziente è stabile, deve essere organizzata la riabilitazione.


La Trombolisi endovenosa

Il t-PA pe via e. v. o alteplase, è l'unica terapia medica approvata dalla FDA statunitense per il trattamento di ictus ischemico acuto.

La finestra temporale per la somministrazione è generalmente accettata entro le 4,5 ore dall'inizio del sintomo, anche se l'indicazione della FDA è ancora entro 3 ore. 

L'American Heart Association/American Stroke Association raccomanda una finestra per la somministrazione del t-PA fino a 4,5 ore con alcuni criteri di esclusione aggiuntivi rispetto alla somministrazione di 3 ore.

Esistono criteri rigorosi per la somministrazione di t-PA e.v.

Il protocollo è in base al peso, con dose massima ammissibile di 90 mg

Il rischio di emorragia cerebrale con Il t-PA e.v. è di circa il 6% nei pazienti con ictus.


La terapia antipiastrinica

Si consiglia di ridurre la probabilità che un ictus ischemico si ripeta, soministrando aspirina per via orale, rettale o mediante  tubo nasogastrico entro 48 ore dall’ inizio dell’ ictus (alla dose di 325 mg/giorno) 

Possono essere utilizzati anche altri regimi antipiastrinici orali approvati per la profilassi secondaria di ictus (ad esempio clopidogrel, aspirina + dipiridamolo a rilascio prolungato). 


Ai pazienti che hanno ricevuto t-PA non possono essere somministrati agenti antitrombotici o anticoagulanti entro le prime 24 ore dopo la somministrazione. 


Nei pazienti con ictus acuto ischemico e fibrillazione atriale, l’ anticoagulazione completa con infusione di eparina o eparina a basso peso molecolare deve essere evitata nell’ acuzie, in quanto essa potrebbe danneggiare il paziente, causando emorragia intracranica sintomatica, e per questo vi sono pochissime prove che suggeriscano che essa determini alcun beneficio

Tuttavia, l'anticoagulazione cronica è indicata dopo che il periodo acuto è passato.


Drante la fase acuta se si sviluppano complicanze derivanti dall’ edema cerebrale, un’ulteriore valutazione da parte di un neurochirurgo può essere utile