RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

19 ottobre 2018

Ho il diabete e l'insufficienza renale, cosa devo fare?

Potresti aver bisogno di un nefrologo
Un dietista può essere anche utile.

I seguenti provvedimenti possono aiutare i tuoi reni a funzionare meglio e durare più a lungo:

1)Controlla la glicemia
Il modo migliore per prevenire o rallentare il danno renale è quello di mantenere la tua glicemia ben controllata. Questo è di solito avviene con la dieta, l'esercizio fisico, e, se necessario, l'insulina o gli ipoglicemizzanti orali

2)Controlla la pressione arteriosa alta
Un'alta pressione arteriosa può aumentare le probabilità di ottenere insufficienza renale.

3)Proteggi la funzione renale assumendo ACE-inibitori o ARB
La ricerca suggerisce che questi farmaci possono rallentare la perdita di funzione renale in tutti i diabetici, anche quelli con pressione arteriosa normale.

4)Limita la quantità di proteine che assumi
I diabetici affetti malattia renale dovrebbero assumere abbastanza proteine per una buona salute, ma evitare di mangiarne troppe.
La ricerca suggerisce che mangiare meno proteine può rallentare i danni renali. Dov
È necessario pianificare questo con un dietista che specializzato in malattie renali.

5)Segnala al medico qualsiasi difficoltà ad urinare
Il trattamento precoce delle infezioni delle vie urinarie è importante.
Alcuni segni di infezione urinaria potrebbe essere:
-la frequente necessità ad urinare
-il bruciore o il dolore con la minzione
-l'urina macchiata di sangue

6)Limita la quantità di sale nella dieta per aiutare a controllare la pressione arteriosa alta e ridurre l'edema del corpo.

7)Non usare farmaci che possono danneggiare i reni soprattutto i fans (farmaci antinfiammatori non steroidei) come ibuprofene e naproxene.

8)Controlla con il medico prima di assumere qualsiasi integratori a base di erbe,
Alcuni potrebbero danneggiare i reni.

9)Mantieni sotto controllo i livelli di colesterolo e lipidi.
Ciò contribuirà a prevenire ulteriori danni ai vasi sanguigni più grandi, come quelli cerebrali e cardiaci