RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

9 gennaio 2008

SINDROME MENOPAUSALE

Diagnosi
Irregolarita' mestruali fino alla cessazione delle mestuazioni (amenorrea)
Ansia, depressione, irritabilità, cefalea
Instabilità vasomotoria che si manifesta con vampate di calore e sudorazioni notturne (nell’80% dei casi ed è il maggior effetto collaterale della carenza di estrogeni)
Atrofia della mucosa urogenitale, ridotta secrezione vaginale e dispareunia nel 60% dei casi
Elevazione dei livelli di FSH oltre 40 U/L (diagnostico di insufficienza ovarica) ed LH nel siero
Bassi livelli di estrogeni
Osteoporosi con aumentata frequenza di fratture perché il deficit degli estrogeni aumenta il riassorbimento osseo


Indagini consigliate
FSH, LH, estradiolo
Pap test
Lipidemia
Prove di funzionalità epatica
Mammografia
Visita ginecologica


Diagnosi differenziale
Iper o ipotiroidismo
Tumori ipofisari
Neoplasie uterine
Sindrome da carcinoide
Disturbi o neoplasie ovarici
Disturbi surrenalici
Sindrome dell'ovaio policistico


Trattamento
Terapia estrogenica di breve durata con o senza progestinici per ridurre i sintomi
Nella paz. isterectomizzata solo estrogeni
Progestinici long-acting ed in modo continuativo se gli estrogeni non sono tollerati (non necessari come detto nelle paz. isterectomizzate)
Eventuale terapia estro-progestinica a lungo termine per ridurre i rischi della cardiopatia ischemica (ma non é certo) e prevenire l'osteoporosi; tale terapia probabilmente é in grado di prevenire o ritardare l'inizio della malattia di Alzheimer e ridurre il rischio di tumori extragenitali

Farmaci usati nella prevenzione dell'osteoporosi
Estrogeni o estroprogestinici
Raloxifene
Tibolone (Livial)
Bifosfonati
Calcio e vit. D