RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

Visualizzazione post con etichetta D. Mostra tutti i post

23 gennaio 2013

DISFAGIA, CAUSE NEUROLOGICHE CHE INTERESSANO L'ESOFaGO

Acalasia

Danni a carico del nervo vago
diabete
post vagotomia

Sclerodermia

Disautonomia

Spasmo esofageo

Amiloidosi

Miopatia

DELIRIO, FARMACI CHE POSSONO CAUSARE

Barbiturici

Anticolinergici

Clonidina

Digitale

Farmaci antiparkinson

Litio

Cortisonici

Anagesici oppiacei

Benzodiazepine

Cimetidina, ranitidina

Antistaminici

Antipsicotici

Antidepressivi triciclici

DELIRIO, CAUSE

Metaboliche

Iposodiemia, ipersodiemia

Insufficienza renale

Ipossia, ischemia

Ipoglicemia, iperglicemia

Ipotiroidismo, ipertiroidismo

Droghe

Alcool, intossicazione o astinenza

Farmaci

Ipercalcemia, ipermagnesiemia

Ipofosfatemia


Infettive

Sepsi

Meningite


Neurologiche

Emorragia subaracnoidea

Infarto cerebrale

Convulsioni

Stati postictali

7 gennaio 2013

DISTURBI DI CIRCOLO CEREBRALE, FATTORI DI RISCHIO

MAGGIORI
Ipertensione
Cardiopatia
Diabete mellito
Fumo di sigaretta
Attacchi ischemici transitori

MINORI
Obesità
Ipercolesterolemia
Inattività fisica
Maggior consumo di alcool

30 novembre 2012

DOLORE ADDOMINALE IN GRAVIDANZA, POSSIBILI CAUSE

Travaglio di parto

Abruptio placentae

Rottura (es. gravidanza ectopica con rottura di tuba; rottura di utero)

Aborto

Colestasi

Ematoma della guaina del retto

Tumore ovarico

Fibroma

Torsione dell'utero

19 novembre 2012

DIABETE DI TIPO 2: VIA LIBERA DELL'EUROPA A DAPAGLIFLOZIN



Roma, 19 novembre 2012 - Bristol-Myers Squibb e AstraZeneca hanno annunciato che la Commissione Europea ha approvato dapagliflozin per il trattamento del diabete di tipo 2 nell'Unione Europea

Dapagliflozin, che si basa su un meccanismo d'azione innovativo in grado di agire in modo indipendente dall'insulina per rimuovere l'eccesso di glucosio nell'organismo, è il primo della nuova classe di inibitori dell'SGLT2 ad ottenere l'approvazione per il trattamento del diabete di tipo 2, una patologia che presenta ancora un elevato numero di bisogni terapeutici insoddisfatti.

Dapagliflozin è indicato come trattamento in monosomministrazione orale giornaliera per migliorare il controllo glicemico nei pazienti adulti affetti da diabete di tipo 2

23 agosto 2012

DOLORE ADDOMINALE PIU' FREQUENTE NELLA DONNA


Dismenorrea 
Mittelschmerz  
Malattia infiammatoria pelvica 
Endometriosi 
Dispositivo contraccettivo intrauterino (migrazione) 

18 agosto 2012

DIABETE MELLITO, DIAGNOSI DI LABORATORIO

Un rilievo casuale di glucosio plasmatico maggiore di 200 mg/dL in un paziente sintomatico conferma la diagnosi di diabete. 

Un glucosio plasmatico a digiuno superiore a 126 mg/dL in un paziente asintomatico è anche diagnostico, ma è in genere più utile per la diagnosi di diabete di tipo 2. 

 Elevati livelli di chetoni nel plasma o nelle urine in presenza di iperglicemia suggeriscono un diabete di tipo 1, ma occasionalmente essi vengono osservati alla presentazione in un paziente con diabete di tipo 2.

La diagnosi di diabete di tipo 1 è spesso evidente dalla presentazione clinica, ma il peptide-C e gli anticorpi antiacidoglutammicodecarbossilasi (antiGAD) possono essere richiesti  per confermarla. 

Ad esempio, quando un adolescente obeso con un'anamnesi familiare positiva per diabete di tipo 2 presenta livelli di glucosio nel plasma alti agli esami del sangue di routine, la diagnosi di diabete di tipo 1 o di tipo 2 può non essere facile. Se i livelli di C-peptide sono molto bassi o non rilevabili e gli anticorpi antiGAD sono positivi, allora una diagnosi di diabete di tipo 1 può essere fatta.

Una Hb glicosilata di 6.5% o maggiore è un test alternativo per la diagnosi di diabete, ma è anche più generalmente applicabile allo screening  del diabete di tipo 2. Essa riflette il grado di iperglicemia entro  i 3 mesi precedenti, quindi è utile nel monitoraggio a lungo termine della glicemia.

12 agosto 2012

DIABETE DI NUOVA DIAGNOSI, ESAMI ESSENZIALI

Secondo le attuali linee guida ADA per il trattamento dei pazienti con diabete, tutti i pazienti di nuova diagnosi richiedono:

un livello di emoglobina glicosilata

lo screening per le dislipidemie

lo screening per la nefropatia

la visita oftalmologica per lo screening della retinopatia

I consigli di una dietista per le istruzioni alimentari

DIABETE MELLITO IN GRAVIDANZA

Le donne che sviluppano diabete mellito in gravidanza presentano un rischio del 50% di sviluppare diabete di tipo 2 nei successivi 5 anni dopo questa, pertanto e' molto appropriata la raccomandazione di instaurare una terapia medica nutrizionale e l'esercizio fisico che ritardano la progressione verso il diabete

DIABETE DI TIPO 2: I FARMACI PER MECCANISMO D'AZIONE

I farmaci impiegati per la cura del diabete di tipo 2 agiscono a vari livelli:

-stimolando le cellule B del pancreas a secernere insulina: solfaniluree e glinidi
-rallentando l'assorbimento intestinale dei carboidrati: acarbosio
-diminuendo la produzione di glucosio da parte del fegato: metformina
-aumentando la sensibilità dei tessuti all'ormone: glitazoni
-mimandone l'azione biologica: mimetici delle incretine: exenatide

23 luglio 2012

DOLORE ALLA PERCUSSIONE ADDOMINALE

Solitamente e' un segno di peritonite

11 luglio 2012

FENTANYL

Oppiaceo sintetico altamente liposolubile con una breve durata d'azione a causa del rapido assorbimento tissutale.
 
L'alta liposolubilità lo rende adatto per la somministrazione transdermica.
 
I metaboliti del fentanil sono inattivi per cui esso è somministrato per via endovenosa, epidurale o intratecale, ma, attualmente, soprattutto per via transdermica (Durogesic cerotto 25-50-75-100 mcg)

10 luglio 2012

DIARREA INFETTIVA, CAUSE

Infezione batterica 
E. coli 
Salmonella 
Campylobacter jejuni 
Vibrio cholerae 
Klebsiella 
Enterobacter 
Staphylococcus aureus 
Shigella 
Clostridium difficile (dopo la terapia antibiotica!) 
Yersinia enterocolitica 
Chlamydia 
Neisseria gonorrhoeae 
Aeromonas 
Plesiomonas 

Infezione virale 
Norwalk virus 
Rotavirus 
Adenovirus 
CMV 
Influenza virus 
Virus Coxsackie 
Poliovirus 
ECHO virus 

Tossine alimentari (non distrutte mediante cottura) 
Staphylococcus aureus 
Bacillus cereus 
Clostridium perfringens 

Parassiti 
Entamoebia histolytica 
Giardia intestinalis 
Cryptosporidium

6 luglio 2012

DIURETICI PRINCIPALI, CLASSIFICAZIONE E SCOPI

I diuretici tiazidici sono utilizzati

per alleviare l'edema causato da insufficienza cardiaca cronica e 
in dosi più basse, 
per ridurre la pressione sanguigna 



I diuretici dell'ansa sono utilizzati  

nell'edema polmonare causato da insufficienza ventricolare sinistra  
nei pazienti con insufficienza cardiaca cronica 



La terapia di combinazione con piu' diuretici può essere efficace

nei pazienti con edema resistente al trattamento con un unico diuretico.

4 luglio 2012

DOLORE RIFERITO, CAUSE

Dolore epigastrico
puo' essere causato da
cuore!


Dolore in regione ombelicale
puo' essere causato da
appendice
pancreas

Dolore in regione ipocondrio destro
puo' essere causato da
polmone
pleura


Dolore alla base dell'emitorace sinistro
puo' essere causato da
milza


Dolore alla scapola destra
puo' essere causato da
colecisti


Dolore alla spalla sinistra
puo' essere causato da
superficie inferiore del diaframma


DOLORE LOMBARE NEL PAZIENTE ANZIANO, CAUSE PIU' COMUNI

Artrosi

Stenosi spinale e claudicazione spinale

Fratture osteoporotiche

Malattia di Paget ossea

DOLORE LOMBARE IN PAZIENTE GIOVANE (ETA' INFERIORE A 40 ANNI)

Cause piu' comuni

Prolasso del disco intervertebrale

Spondilite anchilosante

Spondilolistesi


3 luglio 2012

DIARREA, CAUSE COMUNI E NON COMUNI

Infezione (compresa 'diarrea del viaggiatore')
 
Malattie infiammatorie intestinali

Intolleranza al lattosio
 
Malattia diverticolare
 
Carcinoma del colon
 
Altri tumori, in particolare adenoma villoso
 
Celiachia
 
Sprue tropicale
 
Sindrome dell'intestino irritabile (IBS)
 
Colite ischemica / infarto intestinale
 
Uso di lassativi
 
Altri farmaci, per es metformina, orlistat
 
Eccessiva assunzione di frutta o verdura o di grassi
 
Diarrea secondaria a costipazione

Ipertiroidismo (comune)

Carcinoma midollare della tiroide (non comune)
 
Sindrome da carcinoide (non comune)
 
Gastrinoma (raro)
 
Vipoma (raro)
 
Glucagonoma (molto raro)
 
Diarrea da sali biliari (precedente malattia o chirurgia ileale)
 
Sindrome dumping (precedente chirurgia gastrica)
 
Disturbi della motilità intestinale
 
Malassorbimento (pancreatite, linfangectasia, celiachia)
 
Sclerodermia
 
Amiloidosi
 
Malattia di Whipple

DOLORE ADDOMINALE, CAUSE IN BASE ALLA SEDE

Dolore epigastrico: 
ulcera peptica, gastrite o erosioni duodenali, colecistite, pancreatite. appendicite all'esordio 

Dolore periombelicale: 
pancreatite, ischemia mesenterica (paziente anziano con malattia vascolare).

Dolore a livello del quadrante superiore destro: 
colica biliare, colecistite, epatite, ulcera peptica

Dolore a livello del quadrante superiore sinistro: 
patologia splenica, ulcera peptica 

Dolore lombare: 
colica renale (coliche che si irradia dal lombo → inguine), pielonefrite, patologia renale 

Dolore a livello della fossa iliaca sinistra: 
costipazione, malattia diverticolare, sindrome dell'intestino irritabile, dolore pelvico riferito, malattia infiammatoria intestinale 

Dolore a livello della fossa iliaca destra: 
appendicite, dolore pelvico riferito, malattia infiammatoria intestinale (ad esempio ileite terminale ovvero morbo di Crohn) 

Dolore sovrapubico: 
infezione del tratto urinario (UTI), cistite, salpingite 

Dolore diffuso: 
gastroenterite, colon irritabile, stipsi, peritonite generalizzata. adenite mesenterica