Trattameno orale con ferro, consigli utili


Ricorda che

L'assorbimento del ferro è potenziato:

dall'acido ascorbico (vitamina C) e dalla carne

ed inibito:

da calcio, fibre, tè, caffè e vino.


Il trattamento iniziale è la terapia giornaliera di sostituzione del ferro orale (ad esempio con solfato ferroso, gluconato ferroso o maltolo ferrico). 

I sali ferrosi ferrosi hanno una migliore biodisponibilità e assorbimento rispetto ai sali ferrosi ferrici. 


L'aggiunta di ferro orale somministrata in singola dose a giorni alterni (ad esempio, lunedì, mercoledì e venerdì) può ottimizzare l'assorbimento del ferro e offrire un dosaggio più conveniente rispetto alla somministrazione giornaliera di ferro orale.


La terapia sostitutiva del ferro deve continuare dopo la normalizzazione dei parametri ematologici per ricostituire i depositi di ferro corporei.


Fino al 10% dei pazienti può avere intolleranza gastrointestinale al ferro orale. 

Le opzioni alternative per questi pazienti includono: 

-il passaggio a una formulazione con ferro elementale con inferiore per pillola

-l'assunzione di una formulazione liquida, 

-l'assunzione di capslule o compresse con il cibo (anche se questo diminuirà l'assorbimento)

-il passaggio al ferro per via endovenosa


Nelle donne con gravidanza gemellare e deficit di ferro raddoppiare la dose di ferro può fornire benefici senza causare effetti avversi gastrointestinali.


Durante il trattamento deve essere monitorata una conta completa del sangue e  una conta reticolocitaria. 

La conta dei reticolociti dovrebbe raggiungere un picco in 1-2 settimane

L'emoglobina deve evidenziare un miglioramento a 3-4 settimane (da 20 g/L [2 g/dL]), con normalizzazione dopo 2-4 mesi e sostituzione dei depositi di ferro dopo 6 mesi. 

Nuova Vecchia