Attacco ischemico transitorio, considerazioni e prevenzione


Nonostante la completa risoluzione dei sintomi, dal 20% al 50% dei pazienti sospettati clinicamente di aver subito un TIA presentano evidenze di infarto acuto dei tessuti alla risonanza magnetica.

La terapia antipiastrinica doppia nel TIA acuto e ictus minore è in fase di valutazione.

Un recente studio ha rivelato che tra i pazienti con TIA o ictus minore che possono essere trattati entro 24 ore dall’inizio dei sintomi, la terapia combinata di clopidogrel e aspirina è superiore a quella di sola aspirina per ridurre il rischio di ictus nei primi 90 giorni e non aumenta il rischio di emorragia.

Gli studi precedenti condotti tra il 1987 e il 2003 stimavano che il rischio di ictus o di una sindrome coronarica acuta era dal 12% al 20% nei primi 3 mesi dopo un TIA.

I nuovi dati stimano che il rischio ad 1 anno sia pari al 6,2%.

Un infarto multiplo all'imaging cerebrale, un'aterosclerosi arteriosa di vaste dimensioni e un punteggio ABCD2 di 6 o 7 sono stati associati a più che un raddoppio del rischio di ictus.

La prevenzione

È opportuno incoraggiare uno stile di vita sano e la gestione dei fattori di rischio cardiovascolare.

L'identificazione della resistenza all'insulina come fattore di rischio per ictus e infarto miocardico aumenta la possibilità che pioglitazone, che migliora la sensibilità all'insulina, possa essere di beneficio nei pazienti con malattia cerebrovascolare.

In uno studio recente che ha coinvolto pazienti senza storia di ictus ischemico o TIA, il rischio di ictus o MI è stato inferiore tra i pazienti che hanno ricevuto pioglitazone rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo.

Il pioglitazone è stato associato anche a un minor rischio di diabete, ma con un maggiore rischio di aumento di peso, edema e fratture.
Nuova Vecchia