Terapia antipiastrinica nel diabetico

Le persone con diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari (CVD) necessitano di una terapia antipiastrinica in caso di prevenzione secondaria. 

Questa terapia sarà solitamente rappresentata da aspirina a basse dosi (aspirina: 75 mg per via orale una volta al giorno o clopidogrel 75 mg per via orale una volta al giorno


La terapia antipiastrinica riduce il rischio di ictus, infarto miocardico o morte vascolare. Ù



Nella prevenzione primaria delle cardiovasculopatie il ruolo della terapia antipiastrinica, invece, è poco chiaro e le linee guida differiscono 


Il National Institute for Health and Care Excellence  raccomanda di evitare la terapia antipiastrinica di routine (aspirina o clopidogrel) negli adulti con diabete di tipo 2 senza malattie cardiovascolari. 


Tutto ció perché l'aumento del rischio di sanguinamento maggiore è considerato superiore a qualsiasi potenziale beneficio.


Lo studio ASCEND confrontando aspirina a bassa dose con placebo in 15.480 adulti con diabete, ma senza cardiovasculopatie evidenti, ha rilevato che i benefici dell’ uso dell’ aspirina nel prevenire gravi eventi vascolari sono stati in gran parte controbilanciati dall’ aumento del rischio di eventi di sanguinamenti maggiori durante un follow-up medio di 7,4 anni. 


Tuttavia, la Società Europea di Cardiologia (ESC)e l'Associazione Europea per lo Studio del Diabete (EASD) raccomandano di considerare l'aspirina a basse dosi per la prevenzione primaria delle cardiovasculopatie (CVD) in pazienti con diabete a rischio elevato/ molto elevato di CVD, a condizione che non ci siano controindicazioni chiare. 


L’ ESC/EASD non raccomanda l’ aspirina per la prevenzione primaria nei pazienti a rischio lieve-moderato di CVD (ad esempio, pazienti di età inferiore a 50 anni con durata del diabete di tipo 2 <inferiore a 10 anni senza altri fattori di rischio).


L’ ESC/EASD raccomanda di considerare l’ uso concomitante di un inibitore della pompa protonica nei pazienti che assumono aspirina a bassa dose per ridurre il rischio di emorragia evidenziato dallo studio ASCEND (in cui tre quarti dei pazienti non assumevano un inibitore della pompa protonica). 

Please Select Embedded Mode For Blogger Comments

Nuova Vecchia