RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

25 dicembre 2018

Colite ulcerosa, prognosi

La mortalità complessiva non sembra essere aumentata nei pazienti con colite ulcerosa rispetto alla popolazione generale.
Tuttavia vi potrebbe essere un rischio aumentato di mortalità fra i pazienti di UC entro il primo anno che segue alla diagnosi
Un aumento della mortalità può anche essere osservato nei pazienti più anziani ed in quelli con colite ulcerosa che sviluppano complicanze (quali per esempio: shock, malnutrizione o anemia).

Vi è inoltre prova che i pazienti con colite ulcerosa che subiscono un qualsiasi tipo di intervento chirurgico vadano incontro ad una mortalità aumentata.
La causa più comune di morte rimane il megacolon tossico.
L'adenocarcinoma colico si sviluppa nel 3%-5% dei pazienti.
Una stenosi benigna invece raramente può causare ostruzione intestinale.
La presenza di Clostridium difficile peggiora la prognosi dei pazienti recentemente diagnosticati per colite ulcerosa aumentando il rischio di colectomia, di complicanze postoperatorie e di morte.

Colite ulcerosa in gravidanza
la gravidanza non pregiudica il decorso della colite ulcerosa
Tuttavia, un trattamento inadeguato della malattia attiva, può influenzare negativamente la gravidanza.
Nella malattia attiva, i farmaci dovrebbero quindi essere somministrati come se la paziente non fosse incinta (con l'eccezione che farmaci quali metotrexate e metronidazolo, che sono controindicati nella gravidanza, dovrebbero essere evitati).
I pazienti con colite ulcerosa quiescente hanno lo stesso tasso di fertilità e di rischio di complicanze durante la gravidanza della popolazione generale.
La nutrizione durante il primo trimestre di gravidanza è cruciale.

Nei bambini e negli adolescenti, la colite ulcerosa dovrebbe essere trattata come è negli adulti. È estremamente importante monitorare con attenzione la crescita.