RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

28 febbraio 2018

Crisi surrenalica acuta

La crisi surrenalica acuta é un'emergenza endocrina pericolosa per la vita causata da un deficit di glucocorticoidi (soprattutto cortisolo) o mineralcorticoidi (principalmente aldosterone).

L'ipofisi anteriore produce l'ormone adrenocorticotropo (ACTH), che stimola la corteccia surrenale a produrre più di 50 ormoni steroidei.
Cortisolo e aldosterone sono i più fisiologicamente attivi di questi ormoni.
Nell’insufficienza corticosurrenalica, la funzione dei glucocorticoidi e mineralcorticoidi viene persa.

Diagnosi
La diagnosi di Insufficienza corticosurrenalica acuta è una diagnosi difficile da fare.
La crisi surrenalica acuta si verifica raramente senza un infortunio grave o una malattia.
La diagnosi è difficile perché molti dei segni e dei sintomi sono aspecifici. Tuttavia, se non trattata, la prognosi per la sopravvivenza é molto sfavorevole.
Qualsiasi ritardo nella gestione del disturbo durante l'attesa per la conferma diagnostica può minacciare la vita del paziente

I glucocorticoidi sono stimolanti cardiaci che attivano il rilascio di sostanze vasoattive essenziali.
Senza corticosteroidi, lo stress provoca ipotensione, shock e morte.
Una carenza di cortisolo produce molte anomalie metaboliche, quali diminuzione della produzione del glucosio, del metabolismo di proteine e grassi, dell'appetito e della digestione.
Gravi effetti sistemici comprendono una diminuzione del tono vascolare e un effetto diminuito delle catecolamine, quali l’epinefrina e la norepinefrina. 
Normalmente, un organismo sotto stress rilascia i corticosteroidi.

Sia la diminuzione del tono vascolare dei vasi sanguigni e sia l'effetto di una riduzione delle catecolamine in un individuo in crisi surrenalica può causare shock.

La carenza di aldosterone provoca profondi squilibri dei liquidi e degli elettroliti quali una diminuzione nella ritenzione di sodio e acqua, una diminuzione nel volume del sangue ed un aumento del riassorbimento di potassio e di ioni idrogeno nella circolazione.