RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

6 gennaio 2008

MONONUCLEOSI INFETTIVA

E' una malattia infettiva acuta, linfoproliferativa, causata dal virus di Epstein-Barr, un Herpesvirus, che colpisce in prevalenza bambini e giovani adulti.
La diffusione avviene attraverso le secrezioni orali, per cui viene anche denominata la "malattia del bacio"


Quadro clinico
Febbre irregolare, di tipo tifoideo che perdura per più di tre settimane (per cui frequentemente i pazienti si ricoverano in Ospedale)
Faringo-tonsillite eritematosa o lacunare o ulceronecroti-ca
Linfoadenopatia cervicale, mandibolare ma anche ascellare e inguinale
Splenomegalia (50% dei casi)
Epatomegalia (20% dei casi)


Esami di laboratorio
Linfocitosi assoluta con (meno frequentemente) presenza di elementi anomali (linfocitosi atipica) cioe' di dimensioni maggiori, con nucleo eccentrico, citoplasma con vacuoli basofili, che possono persistere anche dopo la risoluzione
I globuli bianchi comunque possono essere aumentati normali o diminuiti
In ogni caso vi é sempre una neutropenia assoluta o relativa

Altre cause di linfocitosi atipica:
toxoplasmosi
infezione da citomegalovirus
sindrome post-trasfusionale
farmaci (PAS, difenilidantoina)

Modesta ipertransaminasemia per coinvolgimento epatico
Bilirubina lievemente aumentata ma a volte fino a 6-10 mg/dl
Aumento costante delle IgM dapprima ed in seguito delle IgG
Reazione di Paul Bunnel (basata sulla ricerca di anticorpi eterofili) a tassi >1/224 è diagnostica
Diagnostico può essere a volte il fenomeno per cui fino al 90% dei pazienti trattati con ampicillina o amoxacillina manifesta un rash maculopapulare morbilliforme diffuso in 6-10 gg. che persiste per 1-2 settimane


Complicanze
Epatite acuta ed ittero
Superinfezioni faringotonsillari
Anemia emolitica e porpora trombocitopenica
Polmonari con infiltrati simili a quelli della polmonite atipica
Neurologiche rare (meningoencefalite, mielite trasversa, sindrome di Guillan-Barrè)
Rara ma drammatica la rottura spontanea di milza


Diagnosi dfferenziale
Faringite da streptococco del gruppo A
Tonsillite virale
Epatite di tipo A e B
Leucemia
Malattie linfoproliferative


Terapia
E' sintomatica nei soggetti immunocompetenti
Antibiotici, ma non ampicillina o amoxicillina, in caso di superinfezione da streptococchi
Prednisone in caso di
ipertrofia tonsillare e conseguenti disturbi respiratori
anemia emolitica
trombocitopenia


Decorso e prognosi
Decorso solitamente benigno, raramente complicato
Molti casi si risolvono in 2-3 settimane.
La malattia conferisce immunità.
Un decorso cronico é possibile, specie nei paz. immunocompromessi (sindrome di Duncan)