RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

21 aprile 2022

Empagliflozin, caratteristiche peculiari

 Il recente studio EMPA-REG OUTCOME ha dimostrato che empagliflozin ha ridotto gli endpoint principali degli eventi cardiaci avversi principali (morte CV, MI non fatale, ictus non fatale) del 14% nei pazienti con T2DM con un alto rischio per o precedente storia di CVD. 

Questo effetto benefico è stato determinato da una riduzione del 38% della mortalità CV senza una significativa diminuzione dell’ MI non fatale o ictus. Il farmaco ha anche causato una riduzione del 35% dell'ospedalizzazione per insufficienza cardiaca senza influenzare l'ospedalizzazione per angina instabile. 


Sebbene gli inibitori SGLT-2 esercitino molteplici benefici metabolici (ad esempio, diminuzioni dell’ HbA1c, del peso corporeo e della pressione arteriosa ed un aumento del colesterolo HDL), tutti, i quali potrebbero ridurre il rischio di CVD, è improbabile che la riduzione della mortalità CV possa essere spiegata completamente da questi fattori. 

Più probabilmente, una combinazione di effetti emodinamici positivi viene migliorata dai cambiamenti nella dinamica del flusso sanguigno intrarenale, contribuendo alla riduzione della mortalità CV e dell'ospedalizzazione dell'insufficienza cardiaca. 


Questo argomento è attualmente in fase di indagine intensiva. 


L’ impatto dei risultati dello studio è stato sufficientemente significativo da portare a una nuova raccomandazione ADA: 

"nei pazienti con CVD aterosclerotica in trattamento con metformina, l'empagliflozin è un agente aggiuntivo preferito per ridurre i principali eventi avversi cardiovascolari.

Empagliflozin ha recentemente ricevuto l’approvazione della FDA per questa indicazione.