RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

11 aprile 2019

Morfina nell’infarto del miocardio

La morfina è un farmaco utilizzato per ridurre il dolore e l'ansia, soprattutto nei pazienti con edema polmonare durante la presentazione acuta di un infarto STelevation

Tuttavia, l'analisi dei risultati di diversi studi clinici suggerisce che esiste un'interazione tra morfina e inibitori del recettore P2Y12, che potrebbe determinare conseguenze cliniche avverse.

Diversi recenti studi farmacocinetici condotti su volontari sani hanno dimostrato che la somministrazione endovenosa di morfina può ridurre il livello dei metaboliti attivi del clopidogrel e ritardare la massima inibizione dell'aggregazione piastrinica.

È stato anche riportato un effetto analogo della morfina sul ticagrelor. Data l'attuale tendenza dell'uso di inibitori orali del recettore P2Y12 prima degli interventi di rivascolarizzazione coronarica per STEMI, la somministrazione di morfina con inibitori del recettore P2Y12 merita attenta considerazione.
Puruttavia, non è stato raccomandato di evitare l’uso della morfina.