RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

8 marzo 2008

PT, aPTT, TT: ALTERAZIONI E SIGNIFICATO

Sono i tests della coagulazione piu' comuni

PT (tempo di protrombina)
valuta la produzione di trombina (meccanismo estrinseco della coagulazione) e riflette l'attivita' di fibrinogeno, protrombina (fattore II), fattore V, VII e X.
Dipende quindi dalla sintesi epatica di questi fattori e dall'assorbimento intestinale della vit. K

Uso del PT
monitorizza il paz. in trattamento con terapia anticoagulante orale
valuta la gravita' di una malattia epatica
evidenzia deficit dei fattori VII X V II

PT alterato
Anomalia della via estrinseca della coagulazione per difetto del fattore VII, X,V, II
Cause:
insufficienza epatica
uso di warfarin
deficit di vit. K
malassorbimento
Attenzione! in caso di emorragie gravi o interventi chirurgici urgenti in paz. in trattamento con anticoagulanti orali il plasma fresco congelato corregge immediatamente il deficit di coagulazione


aPTT(tempo di tromboplastina parziale attivato)
valuta la presenza in quantita' adeguata dei fattori della coagulazione VII, IX, XI e della loro funzione (meccanismo intrinseco della coagulazione)

Uso dell' aPTT
monitorizza il paz in trattamento eparinico
se superiore a 150 sec. indica un deficit di fattore di contatto (XII, XI, chininogeno ad alto peso molecolare, precallicreina)

aPTT alterato
Cause:
1) alterazione acquisita della coagulazione per:
farmaci come eparina, antipsicotici, trombolitici
presenza di anticorpi come lupus anticoagulans
2)deficit di fattore VIII per:
emofilia A
emofilia B
malattia di von Willebrand


PT e PTT entrambi alterati
Alterazione della via comune della coagulazione
Cause: CID


TT (tempo di trombina)
rivela un difetto della conversione del fibrinogeno al coagulo di fibrina quindi valuta la "fibrinoformazione"

Uso del TT
deficit di fibrinogeno
disfibrinogenemia
terapia eparinica, ma soprattutto fibrinolitica

Il deficit di fibrinogeno è espressione principalmente di CID e, molto raramente, peraltro in un paz. non sofferente, di ipofibrinogenemia congenita


Diagnosi differenziale tra difetti piastrinici e difetti della coagulazione
1.Difetti piastrinici
Il sanguinamento predomina a livello della cute, mucose, tratto gastrointestinale e urinario
Il sanguinamento si manifesta sotto forma di petecchie (<3 mm.)

2.Difetti della coagulazione
Il sanguinamento si verifica più profondamente a livello degli spazi articolari, muscoli e spazio retroperitoneale e si manifesta sotto forma di ematomi ed emartri.