RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

28 dicembre 2007

DIFETTO INTERATRIALE

E' la forma di cardiopatia congenita più frequente negli adulti

Sangue ossigenato passa dall'atrio sinistro a quello destro aumentando la gittata del ventricolo destro ed il flusso polmonare con tendenza all'ipertensione polmonare
Rara la cianosi
Spesso la malformazione passa inosservata per molto tempo ed a volte per tutta la vita

Diagnosi
Quando presenti i sintomi, questi sono legati all'iperaflusso polmonare e si evidenziano sotto forma di episodi di pseudo bronchiti recidivanti, mentre ampi shunt determinano dispnea da sforzo, astenia, palpitazioni
Segno utile per la diagnosi é lo sdoppiamento fisso del secondo tono sul focolaio della polmonare
Frequenti gli episodi di fibrillazione atriale
Possibili embolie cerebrali o in un arto provenienti da trombi venosi degli arti superiori o inferiori (sic!)
Raramente la cardiopatia si complica con endocardite batterica perché vi è un basso gradiente interatriale

All'ECG
turbe della conduzione interventricolare dx., ipertrofia ventricolare dx, blocco di branca dx completo o incompleto

All'Rx
atrio dx. allargato
ventricolo dx. ingrandito
art. polmonare dilatata
congestione polmonare

All’ecodoppler
viene stabilita la diagnosi


Trattamento
Chirurgico o tramite posizionamento di ombrello mediante catetere intracardiaco


Prognosi
Se il difetto é misconosciuto e non corretto la vita media é ridotta (intorno ai 40 anni)