RICERCA TRA GLI OLTRE 10MILA ARGOMENTI

27 gennaio 2019

La dispepsia non ulcerosa

La gestione iniziale della dispepsia non ulcerosa di solito include consigli per evitare l'alcool, la caffeina, il fumo, e gli alimenti che aggravano i disturbi, e di assumere piccoli pasti regolari per aiutare la digestione. 

I risultati degli studi sui farmaci per la dispepsia non-ulcerosa sono stati variabili e difficili da valutare in quanto la condizione tende ad essere auto-limitantesi, e c'è spesso una risposta positiva al placebo.

Spesso sono utilizzati i farmaci che sopprimono l'aciditá gastrica come gli antiacidi o i farmaci antisecretori 

Gli antiacidi possono dare un certo sollievo sintomatico e sono ampiamente usati come auto-medicazione. Tuttavia, è inadeguato il loro uso a lungo termine. 

Similmente, sono spesso assunti gli H2-antagonisti, particolarmente per i sintomi causati da reflusso ed alcuni autori hanno suggerito il loro beneficio, almeno in una certa percentuale di pazienti. 

Gli inibitori della pompa protonica (PPI) così anche sono usati ampiamente; alcuni li considerano superiori agli H2-antagonisti. 
Essi possono essere utili nella terapia "on demand" per gestire i sintomi a lungo termine

Non è chiaro quale ruolo svolga l'Helicobacter pylori nella patologia della dispepsia non-ulcerosa
Una meta-analisi ha provato che l'eradicazione non è di alcun beneficio in caso di dispepsia non-ulcerosa, ma, un altro studio invece, che ha coinvolto più pazienti, ha evidenziato che un piccolo beneficio si è certamente verificato, anche se è stato osservato che la maggior parte dei pazienti positivi per la presenza di H. pylori continua ad avere sintomi dopo l'eradicazione. 

La gestione iniziale della dispepsia nei pazienti sotto i 55 anni di età, che non hanno i cosiddetti "sintomi di allarme" (come sanguinamento gastrointestinale cronico, perdita di peso non intenzionale, difficoltà a deglutire, vomito persistente, anemia da carenza di ferro, o massa epigastrica) dovrebbe consistere in:
-un trattamento empirico di un mese con inibitori della pompa protonica
-un test per la presenza di Helicobacter pylori, ed in caso di positivitá una terapia di eradicazione appropriata. 

Coloro che sono H. pylori-negativi dovrebbero essere sottoposti ad un trattamento empirico per la soppressione acida con un inibitore della pompa protonica per 1-2 mesi 

i pazienti di oltre 55 anni, o quelli con i sintomi di allarme, dovrebbero essere indirizzati all'endoscopia. Dopo l'endoscopia, il trattamento dovrebbe essere mirato alla diagnosi di fondo.

Anche i farmaci procinetici possono essere somministrati, in particolare se si sospetta un disturbo della motilità gastrointestinale sottostante. 
Infatti una meta-analisi ha suggerito che la terapia procinetica può essere più efficace di un H2-antagonista nella dispepsia non-ulcerosa
In ogni caso comunque le esperienze con domperidone o metoclopramide non sono sufficienti. 

Gli altri approcci alla terapia farmacologica includono l'uso di un sale di bismuto insolubile, e l'uso di antispastici. 

Gli antidepressivi possono altresì avere un ruolo limitato in alcuni pazienti