RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

23 giugno 2017

Botulismo, presentazione clinica

I sintomi e segni di solito iniziano da 12 a 36 ore dopo l'ingestione. 
I pazienti si presentano con paralisi flaccida discendente simmetrica e segni bulbari prominenti (diplopia, disartria, disfonia e disfagia [le quattro "D])

La severità della malattia è collegata alla quantità di tossina ingerita.


Segni significativi
Paralisi acuta, bilaterale dei nervi cranici, con manifestazioni oculari e bulbari più frequenti (diplopia, oftalmoplegia, ptosi, disfagia, disartria, pupille fisse e dilatate e secchezza della bocca)

Coinvolgimento di solito bilaterale dei nervi che può diventare una paralisi flaccida discendente

Nessun deficit sensoriale, oltre a possibile visione offuscata

Sintomi gastrointestinali (secchezza delle fauci, nausea, vomito, diarrea o crampi)

Generalmente assenza di febbre

Frequenza cardiaca normale o lieve bradicardia con paziente normoteso

Stato mentale normale


Botulismo da ferita
Si verifica principalmente in caso di somministrazione di droghe per via parenterale (iniezione di eroina sottocutanea) o di ferita traumatica.
La presentazione è simile a quello della malattia di origine alimentare, tranne che per un periodo di incubazione più lungo (4-14 giorni) e per l'assenza di sintomi di tipo gastrointestinale.
La febbre è rara e se presente può essere a causa di infezione della ferita, che non è sempre evidente.

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI