RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

17 aprile 2017

Ulcera peptica, alcune importanti considerazioni

Pazienti con ulcere gastriche in genere dovrebbero ripetere l'endoscopia dopo 8 a 12 settimane di terapia antisecretoria per documentare la guarigione e testare la citologia esfoliativa per carcinoma gastrico.

Pazienti con ulcere duodenali e quelli con ulcere gastriche a basso rischio come giovani pazienti in trattamento con Fans generalmente non richiedono la sorveglianza endoscopica.


Dopo il trattamento endoscopico di un'ulcera peptica, il sanguinamento ricorre fino al 20% dei pazienti.
La somministrazione per via endovenosa mediante infusione continua di PPI riduce sostanzialmente il rischio di sanguinamento ricorrente.
È stato infatti segnalato che:
alte dosi endovena di esomeprazolo (bolo di 80 mg e.v. seguito dall'infusione di 8 mg/hr per 72 hr) somministrate dopo un trattamento endoscopico efficace a pazienti con ulcera peptica ad alto rischio di sanguinamento sono in grado di ridurre il sanguinamento ricorrente a 72 ore e di mantenere i benefici clinici per 30 giorni.


Nei pazienti che assumono aspirina a basso dosaggio e che hanno presentato sanguinamento di un'ulcera peptica, la terapia continua con aspirina può aumentare il rischio di sanguinamento ricorrente....
Tuttavia, é stato riportato che: la mortalità é risultata superiore fra coloro che avevano sospeso la terapia con aspirina ed erano a rischio di eventi cardiovascolari (!)

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI