RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI

13 aprile 2017

Diverticolosi e diverticoliti, procedure d'indagine per la diagnosi

Prove di laboratorio
La conta leucocitaria nella diverticolite rivela una leucocitosi con spostamento a sinistra.
Un'anemia microcitica può essere presente in pazienti con sanguinamento cronico da malattia diverticolare.
Il volume corpuscolare medio (MCV) può essere elevato in caso di emorragia acuta seguita da reticolocitosi


Attenzione!
La colonscopia deve essere evitata in caso di sospetta diverticolite acuta a causa del rischio di perforazione.
Può essere eseguita generalmente dopo 6 settimane per escludere la presenza di cancro e di malattia infiammatoria intestinale


Studi di imaging
Se le caratteristiche cliniche sono altamente indicative di diverticolite, studi di immagine non sono generalmente necessari.

Una TAC dell'addome è l'esame radiologico preferito per diagnosticare la diverticolite acuta come anche la diverticolosi.
La TAC ha una sensibilità del 93% al 97% e una specificità prossima al 100% per la diverticolite.
I risultati tipici sono: ispessimento della parete intestinale, fistole o formazione di ascesso.
Ricorda che la TAC può rivelare anche altri processi di malattia (ad es., appendicite, ascesso tubo-ovarico, morbo di Crohn) tutte patologie da tenere in conto in caso di dolore addominale più basso


Valutazione del sospetto sanguinamento diverticolare:
    1. arteriografia se il sanguinamento è più veloce di 1 ml/min

    2. Scintigrafia con tecnezio 99 zolfo colloidale

    3.scintigrafia con emazie marcate con tecnezio 99  (in grado di rilevare tassi di sanguinamenti da 0.12 a 5 ml/min)

RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI