RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI

28 gennaio 2017

Clindamicina

Appartiene alla classe dei macrolidi

Usi
Eccellente la copertura per gli anaerobi (ad eccezione del b. fragilis), penetra con facilità nell'osso e nelle cavità ascessuali specie del retrofaringe e nelle fasciti necrotizzanti
Buona quella per stafilococco (non MRSA) e streptococco
Viene usata anche in associazione ad altri antibiotici e nel trattamento della toxoplasmosi e del Pneumocystis carinii

Dosaggio
e.v. 600 mg 3 volte al di
per os 300-600 mg 3 o 4 volte al di

Effetti collaterali
È associata ad un alto rischio di colite pseudomembranosa dovuta al c. difficile

RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI