RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI

10 maggio 2015

NIVOLUMAB

Nivolumab è un anticorpo che blocca il cosiddetto recettore di morte programmata

È utilizzato per il trattamento del melanoma e per il trattamento del cancro al polmone metastatico non a piccole cellule squamose.

In contrasto con la chemioterapia tradizionale e con le solite terapie mirate anti-cancro, che esercitano i loro effetti di inibizione di crescita direttamente sul tumore, nivolumab agisce invece inducendo il sistema immunitario dell'organismo stesso ad attaccare il tumore.

Vediamo in che modo

La PD-1 è una proteina che si trova sulla superficie delle cellule T attivate.
Questo è un sistema con il quale l'organismo stesso regola il sistema immunitario, per evitare una reazione eccessiva.

Se un'altra molecola, chiamata ligando 1 (PD-L1) si lega al PD-1,
la cellula T diventa inattiva.

 Poiché molte cellule tumorali costruiscono PD-L1, esse stesse possono disarmare le cellule T e inpedire loro di attaccare il tumore.

Nivolumab impedisce che la PD-L1 si leghi a PD-1, permettendo alla cellula T di attaccare di nuovo il cancro.

RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI