RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI

27 novembre 2014

TUMORE AL SENO: NOTIZIE DA NOVARTIS

 

Gruppo Novartis Italia
Largo Umberto Boccioni, 1
21040 Origgio (VA)
www.novartis.it

COMUNICATO STAMPA
Tumore al seno avanzato: indagine rivela la carenza di supporto emotivo e psicologico per le pazienti e per gli operatori sanitari che
le assistono
• Annunciati i risultati di un'indagine europea condotta nell'ambito della campagna
Here & Now: in Italia la metà dei medici (48%) e un terzo degli infermieri (32%) non hanno ricevuto alcuna formazione o supporto nella gestione delle esigenze psicologiche ed emotive delle pazienti con tumore al seno avanzato.
• La metà (44%) degli operatori sanitari ritiene che la disponibilità di un sostegno emotivo e psicologico sia il più grande bisogno insoddisfatto per queste pazienti.
• Il tempo è un fattore importante: il 64% del campione ha la sensazione di non dedicare abbastanza tempo alle pazienti al momento della diagnosi iniziale.
Origgio, 27 novembre 2014 – La disponibilità di un aiuto psicologico, di un supporto emotivo, è il principale bisogno insoddisfatto delle donne che convivono con un tumore al seno avanzato: medici e infermieri italiani, però, spesso e volentieri non sono messi nella condizione di soddisfarlo, perché non ricevono formazione e supporto nella gestione di queste esigenze e perché non possono dedicare alle pazienti il tempo che vorrebbero. Questo è lo scenario che emerge dai risultati sul campione italiano di un'indagine, realizzata nell’ambito della campagna pan-europea Here & Now, condotta su oltre 300 operatori sanitari in otto Paesi europei per rivelare gli unmet needs nel trattamento e nella gestione delle pazienti con tumore al seno avanzato.
I dati degli operatori sanitari italiani coinvolti nell'indagine rivelano significative carenze: metà dei medici (48%) e un terzo degli infermieri (32%) non hanno ricevuto alcun addestramento formale o supporto atti ad aiutarli nella gestione delle esigenze psicologiche ed emotive delle pazienti.1 Il 44% degli operatori sanitari afferma che il più grande bisogno insoddisfatto delle pazienti che convivono con il tumore al seno avanzato è la disponibilità di un supporto emotivo e psicologico, ed è preoccupato di non essere in grado di sostenere adeguatamente i bisogni emotivi delle pazienti.1
L’indagine ha inoltre rilevato che il 64% degli operatori sanitari ritiene di non dedicare abbastanza tempo alle pazienti al momento della diagnosi iniziale di tumore al seno avanzato.1 Gli operatori sanitari reputano che le pazienti si sentirebbero meglio informate (76%), più ascoltate (80%) e più rassicurate (76%) se venisse loro concesso maggiore tempo per discutere insieme la gestione della patologia.1 Questi risultati sono stati resi noti a seguito della riunione, svoltasi recentemente a Bruxelles, che ha visto coinvolti i massimi esperti europei di tumore al seno per discutere in che modo sia possibile superare gli ostacoli che impediscono l’approccio ottimale.
Non sorprende neppure che il trattamento del tumore al seno avanzato eserciti un notevole impatto emotivo anche sugli operatori sanitari stessi. Quasi tutti (92%) gli operatori sanitari hanno dichiarato che il trattamento delle pazienti influenza anche il loro benessere emotivo.1 Inoltre, 2 su 3 affermano di non disporre di un adeguato supporto che li aiuti ad affrontare questo impatto emotivo.1
L’indagine ha anche esplorato altri aspetti della gestione del tumore al seno avanzato, tra i quali la qualità delle informazioni disponibili e l’efficacia dei team multidisciplinari. La metà (52%) degli operatori sanitari afferma di non avere materiali di supporto disponibili per le pazienti, a riprova di una carenza di risorse essenziali.1 Inoltre, quasi tutti gli operatori sanitari (98%) concordano sul fatto che un approccio basato sulla multidisciplinarietà migliori il livello di assistenza alle pazienti con tumore al seno avanzato, anche se solo la metà di loro (54%) lavora in team multidisciplinari.1
Il tumore al seno è la forma più comune di cancro nelle donne in tutto il mondo, responsabile del 23% di tutti i nuovi casi di tumore nelle donne.2 Quasi un terzo (30%) delle donne con tumore al seno precoce svilupperà la malattia nella forma avanzata.3 La malattia allo stadio avanzato rimane incurabile e, di conseguenza, gli obiettivi terapeutici sono in prevalenza focalizzati sulla gestione dei sintomi, sul ritardare la progressione della malattia e sul prolungare il tempo di sopravvivenza globale, senza compromettere la qualità della vita.4
Here & Now
Here & Now è un’iniziativa pan-europea di Novartis Oncology, che è sostenuta da diversi esperti e che ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza sul tumore al seno avanzato. Lo scopo di Here & Now è quello di rendere evidente l’elevato tasso di bisogni insoddisfatti, ivi incluse le esigenze sociali e psicologiche, al fine di migliorare in tutta Europa l’assistenza e la cura delle pazienti con tumore al seno avanzato. Per ulteriori informazioni visitare il sito http://www.wearehereandnow.com
L’indagine svolta da Here & Now presso gli operatori sanitari
Il sondaggio, commissionato da Novartis Oncology, è stato condotto dalla società globale di ricerche di mercato Synergy Research Group nel corso dei mesi di settembre e ottobre 2014. L’indagine ha esplorato il bisogno di supporto da parte degli operatori sanitari ed è stata condotta nei seguenti Paesi: Belgio, Francia, Spagna, Grecia, Polonia, Germania e Paesi Bassi. Il sondaggio on-line era costituito da 20 domande “chiuse” ed è stato compilato da una percentuale analoga di medici e infermieri/e. Nei Paesi in cui questi sono direttamente coinvolti nella cura delle pazienti con tumore al seno avanzato, sono stati intervistati anche ematologi e ginecologi.
Novartis
Novartis fornisce soluzioni terapeutiche in grado di far fronte alle esigenze, in continua evoluzione, dei pazienti e della società. Con sede a Basilea, in Svizzera, Novartis offre un portafoglio diversificato per meglio rispondere a queste esigenze: farmaci ad alto contenuto di innovazione, prodotti per la cura dell’occhio, farmaci generici a costi competitivi, vaccini preventivi, prodotti per automedicazione e specialità veterinarie. Novartis è la sola azienda al mondo a detenere una leadership in tutte queste aree. Nel 2013, le attività del Gruppo hanno registrato un fatturato di 57,9 miliardi di dollari, mentre circa 9,9 miliardi di dollari (9,6 miliardi di dollari escluse le svalutazioni e gli ammortamenti) sono stati investiti in Ricerca & Sviluppo. Le società del Gruppo Novartis contano circa 135.000 collaboratori e operano in oltre 150 Paesi del mondo. Ulteriori informazioni sono disponibili nei siti www.novartis.it e www.novartis.com

Riferimenti
1. Healthcare professional survey, Synergy Research Group, sponsored by Novartis Oncology (2014)
2. GLOBOCAN. Cancer Fact Sheet [Online] 2008. Available from: http://globocan.iarc.fr/factsheets/cancers/breast.asp [Last accessed: October 2014]
3. O’Shaughnessy J. Extending Survival with Chemotherapy in Metastatic Breast Cancer. Oncologist 2005: 10:20-29.
4. Chung CT, Carlson RW. Goals and objectives in the management of metastatic breast cancer [Online]. Available from: http://theoncologist.alphamedpress.org/content/8/6/514.full [Last accessed: May 2013]
###
Per ulteriori informazioni:

Livia Bonvini
Ufficio stampa: Pro Format Comunicazione
Novartis Farma S.p.A.
Tel. 06 5417093
Tel.: +39 02 9654 2399
Daniela Caffari: cell. 346 6705534
livia.bonvini@novartis.com
Daniele Pallozzi: cell. 348 9861217

ufficiostampa@proformatcomunicazione.it

RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI