RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

14 settembre 2014

STATINE

Il trattamento con statine riduce i livelli di LDL, la morbilità cardiovascolare e la mortalità totale.
C'è una riduzione del rischio relativo per ogni 39 mg/dL di riduzione di colesterolo LDL
del 10% per tutte le cause di mortalità
del 20% dei decessi dovuti a malattie coronariche
del 27% di MI non-fatale
del 25% di rivascolarizzazione coronarica
del 21% di ictus ischemico.
riduzione della mortalità in soggetti in prevenzione primaria.

Le statine inibiscono l'HMG-CoA reduttasi, un enzima chiave nella sintesi del colesterolo. La riduzione delle LDL con le statine varia dal 20% al 55%, a seconda del tipo di statina scelto.

Rosuvastatina, atorvastatina e pitavastatin sono le statine più potenti; fluvastatina è l'estremità inferiore dello spettro di potenza.
Rosuvastatina ha migliori proprietà di aumentare l' HDL rispetto ad atorvastatina quando usato in dosi elevate, mentre entrambi atorvastatina e rosuvastatina possono diminuire i trigliceridi (TGs) di fino a un terzo.

Effetti avversi delle statine
includono:
aumento degli enzimi epatici e miosite o rabdomiolisi.
Tossicità muscolare senza elevazione degli enzimi può verificarsi quando alcune statine sono usate con farmaci che inibiscono il citocromo P450 3A4 (per esempio, antibiotici macrolidi, HIV inibitori della proteasi, antimicotici azoli e ciclosporina.
Alcune statine (rosuvastatina, simvastatina, lovastatina, fluvastatina) possono aumentare i livelli di digossina e potenziare l'effetto del warfarin.
Cambiando statina o abbassando la dose si può ridurre il problema.
Le prove di funzionalità epatica devono essere effettuate prima ed entro 1-3 mesi dall'inizio del trattamento e poi ad intervalli di 6 mesi per 1 anno.

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI