RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI

31 agosto 2014

URGENZE NEUROLOGICHE

Ictus ischemico
Una perdita di forza muscolare unilaterale, parziale o completa a livello del volto, del braccio o della gamba, è una presentazione tipica dell'ictus.
Una parziale perdita della visione può anche esserne una caratteristica.
Un sospetto di ictus ischemico esige un immediato intervento diagnostico e terapeutico per ridurre il deficit ed il danno secondario.
La tomografia computerizzata (CT) e/o la risonanza magnetica (MRI) sono i tests diagnostici iniziali.
Per un intervento trombolitico c'è una finestra di 3-8 ore affinchè esso sia efficace.


Emorragia intracranica
Un'emorragia subdurale può seguire a traumi cranici anche minori e può essere suggerita da nausea, vomito, stato confusionale, debolezza localizzata, perdita della funzione intestinale ed incontinenza vescicale
L'emorragia subaracnoidea in genere si presenta con un improvviso, grave, 'peggiore mai' mal di testa, con fotofobia, perdita di coscienza e paralisi del terzo nervo cranico. Qualsiasi forma di emorragia intracranica può essere causata da un processo progressivo, pericoloso per la vita, specialmente a causa del crescente numero di pazienti trattati con farmaci anticoagulanti o antiaggreganti piastrinici.
L'emorragia subaracnoidea e l'emorragia intraventricolare, in particolare, sono pericolose se rimangono non diagnosticate.
Una TAC urgente e/o una MRI sono essenziali e vanno seguite da intervento urgente di tipo endovascolare o chirurgico


Compressione del midollo spinale
Può avere molte cause.
Le caratteristiche cliniche possono includere dolore lombare, intorpidimento, o parestesie, debolezza o paralisi, disfunzione della vescica o dell'intestino, iperreflessia e perdita di tono sotto il livello della lesione sospetta.
Anestesia perineale, ritenzione vescicale e debolezza agli arti inferiori sono tipici della sindrome della cauda equina.
Una rapida MRI e/o esame TAC sono essenziali per definire l'estensione e la causa del problema e aiuterà a definire il miglior approccio per la decompressione ed il trattamento definitivo.


Crisi miastenica
Comprende ogni esacerbazione della miastenia grave (MG) che richiede la ventilazione meccanica.
Crisi miasteniche possono essere provocate da infezioni, aspirazione, farmaci compresi i corticosteroidi ad alte dosi, interventi chirurgici o traumi.
Se vengono coinvolti i muscoli respiratori, i pazienti richiedono intubazione, supporto ventilatorio e cure intensive.


Sindrome di Guillain-Barre
Segue in genere ad una malattia virale o batterica, e si manifesta solitamente con parestesie crescenti alle mani e piedi, seguite da debolezza agli arti inferiori, dolore alla schiena e areflessia o iporeflessia.
In definitiva, questo esordio rapido, ascendente polineuropatia spesso coinvolge i muscoli respiratori, rendendo necessaria l'intubazione, supporto ventilatorio e cure intensive. Morte può verificarsi a causa di adulti sindrome da distress respiratorio, sepsi, polmonite, embolia polmonare e arresto cardiaco.


Sindrome compartimentale
In genere si verifica dopo un trauma o una ferita da schiacciamento, ed è caratterizzata da un compartimento muscolare teso, con arto distale pallido, senza polso, riduzione o perdita della funzione motoria e sensitiva.
Se non trattata rapidamente (solitamente mediante fasciotomia chirurgica), possono derivarne rapidamente lesioni neuromuscolari

RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI