RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

29 agosto 2014

MORSI ANIMALI, PROFILASSI ANTIBIOTICA

La batteriologia delle ferite infette degli animali è stata ben studiata.

La Specie pasteurella come P. multocida e P. canis sono le più comunemente isolate.
I successivi batteri più comunemente identificati sono della specie Neisseria, Corynebacterium, Moraxella, stafilococco e streptococco.
Organismi meno comuni ma potenzialmente invasivi includono Bergeyella zoohelcum, Capnocytophaga specie e batteri non-ossidanti gruppo 1 o non-1 (un gruppo di batteri Gram-negativi non-ossidativo insolitamente fastidiosi).
Gli organismi più comuni trovati nei morsi umani infettati sono Streptococcus anginosis, Staphylococcus aureus, Eikenella Corrodens, Fusobacterium e Prevotella specie.
I batteri beta-lattamasi-produttori possono anche essere rilevati nelle infezioni da morso umano.
Altre malattie trasmissibili all'uomo da morsi includono rabbia e animale specifiche malattie come l'epatite B e HIV da esseri umani, l'herpes virus B da primati non umani e la febbre da morso di ratto (moniliformis o Streptococcus mitis).
Inoltre, le ferite del morso sono inclini all'infezione di tetano, e il tetano è una complicanza facilmente riscontrata


Antibiotici
Le lincosamidi hanno buona attività contro lo stafilococco, streptococco e anaerobi ma diminuita attività nei confronti di Pasteurella multocida ed Eikenella Corrodens. Non deve essere utilizzate da sole ma in combinazione con un altro agente come trimetoprim/sulfametossazolo o un fluorochinolonico.
C'è un aumentato rischio di colite da clostridium difficile con l'uso di lincosamidi.

Le sulfonamidi hanno buona attività contro gli aerobi ma scarsa attività contro gli anaerobi. Non deve essere usati nella gravidanza ritardata e non dovrebbe essere usati da solo, ma deve essere accoppiati con un agente attivo contro organismi anaerobici (cioè, la clindamicina).

La ciprofloxacina è ben tollerata, e presenta buona biodisponibilità, e buona attività contro la P multocida, ma scarsa o nessuna attività contro lo Staphylococcus, lo Streptococcus, e gli anaerobi; pertanto, essa non deve essere usato come agente singolo.
I recenti fluorochinoloni a spettro esteso (cioè, moxifloxacina, levofloxacina) hanno una buona attività in vitro contro i microrganismi comunemente incontrati, ma l'esperienza clinica è limitata.

Le tetracicline hanno una buona attività contro le specie eichenella e Staphylococcus, con qualche copertura contro gli anaerobi.
C'è una certa resistenza alla specie Streptococcus, perciò dovrebbe essere considerata la terapia di combinazione . Sono controindicate in gravidanza.

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI