RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI

26 aprile 2014

MALATTIE TROMBOTICHE ED EMORRAGICHE, ALCUNI PUNTI CHIAVE PER LA DIAGNOSI

Una corretta interpretazione dei test di screening quali 
1)tempo di protrombina
2)tempo di tromboplastina parziale attivato
3)conta piastrinica
è  di solito sufficiente 
sia per determinare se un paziente ha un disturbo della coagulazione 
sia per diagnosticare tale disturbo

Un tempo di protrombina normale significa che: 
il paziente non ha malattie epatiche come causa del sanguinamento
Un tempo di sanguinamento normale significa che: 
le anomalie emostatiche associate ad uremia non sono la causa del sanguinamento

La maggior parte delle cause di sanguinamento anormale sono acquisite e possono essere causate da: 
-sepsi
-scarso introito di vitamina K
-trombocitopenia indotta da farmaci
-somministrazione di antibiotici nella terapia intensiva
-anticoagulanti 
-insufficienza epatica e renale

Gli emoderivati devono essere utilizzati con cautela in pazienti con risultati laboratoristici anormali
Se il paziente non sta sanguinando, o sta sanguinando e presenta anomalie di laboratorio lievi, la  trasfusione di plasma fresco congelato o di piastrine o entrambi potrebbe non essere indicata

Un'anamnesi attenta  che ricerchi  l'uso di farmaci che possono causare sanguinamenti è fondamentale nella valutazione di trombocitopenia in pazienti ospedalizzati. 

Un'ipercoagulabilità nei pazienti ricoverati può derivare:
1)dalla presenza di una malattia sottostante, soprattutto un cancro, o 
2)dalla presenza di cateteri per accesso venoso centrale.

La trombofilia causata dalla terapia eparinica  o da malattie trombotiche è rara, ma costituisce un'emergenza medica e richiede la consultazione di uno specialista in coagulazione.

RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI