RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

26 dicembre 2013

CARDIOVASCULOPATIA DIABETICA E CONTROLLO DEI GRASSI

L'American Diabetes Association raccomanda che le statine vengano aggiunte allo stile di vita, a prescindere dai valori lipidici di base, per le persone con malattia cardiovascolare conclamata, o per coloro che pur non presentando malattia cardiovascolare hanno età superiore a 40 anni e presentano 1 o più fattori di rischio cardiovascolare.

Le statine dovrebbero essere considerate in coloro i quali sono più giovani o a basso rischio ma il cui colesterolo LDL rimane superiore a 100 mg / dL con la terapia cosiddetta "stile di vita"

L'obiettivo primario per i pazienti senza cardiovasculopatia conclamata è un colesterolo LDL inferiore a 100 mg / dL).

Per i pazienti con cardiovasculopatia conclamata, sarebbe utile un obiettivo inferiore a 70 mg / dL, utilizzando una dose elevata di una statina.

Un'altra opzione per i pazienti che non raggiungono l'obiettivo è una riduzione di LDL di circa il 30 - 40% rispetto al basale.

Può anche essere considerata una terapia combinata di statine e altri agenti ipolipemizzanti, ma mancano studi di sicurezza e risultati clinici e possono aumentare i rischi di complicanze quali rabdomiolisi, miosite o aumento dell'aminotransferasi

Il trattamento con la statina ha dimostrato di portare ad una riduzione della cardiopatia compresa la coronaropatia, la morte e l'IMA non-fatale nelle persone con diabete e può avere effetti benefici indipendententemente dalla riduzione dei lipidi.

Da ricordare che le statine sono controindicate in gravidanza.

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI