RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI

12 settembre 2013

IPERTENSIONE ARTERIOSA, ALCUNE CONSIDERAZIONI SUL TRATTAMENTO

Gli studi hanno dimostrato che il trattamento dell'ipertensione può ridurre l'incidenza di futuri eventi cardiovascolari e cerebrovascolari

L'obiettivo della diagnosi precoce e del trattamento dell'ipertensione è quindi quello di ridurre il rischio cardiovascolare e di prevenire gli eventi cerebrovascolari.

Gli effetti dell'ipertensione cronica su sistemi d'organo sono indicati come danno d'organo bersaglio.
L'ipertrofia ventricolare sinistra, le malattie cardiovascolari, le malattie cerebrovascolari, la retinopatia ipertensiva e la nefropatia sono le manifestazioni più comuni.
La presenza di ipertrofia ventricolare sinistra è un cattivo segno prognostico e la regressione dell'ipertrofia ventricolare sinistra migliora la prognosi.

Il rischio cardiovascolare
Le linee guida sulla gestione dell'ipertensione sottolineano l'importanza della gestione del rischio globale cardiovascolare di un paziente, piuttosto che di concentrarsi solo sulle letture della pressione sanguigna.

Per gli individui da 40 a 70 anni, ogni incremento di 20 mmHg di pressione arteriosa sistolica o 10 mmHg di pressione diastolica oltre i 115/75 raddoppia il rischio di malattie cardiovascolari.


Il trattamento dei fattori di rischio cardiovascolare associati come
obesità
diabete
ipercolesterolemia
fumo
sono importanti come il trattamento dell'ipertensione nel ridurre il rischio cardiovascolare in generale.

RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI