RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

23 giugno 2012

PROSTATITE, QUADRO DIAGNOSTICO E TRATTAMENTO

Segni e sintomi 
Prostatite batterica acuta: 
febbre alta, brividi, malessere, mialgia, dolore localizzato (perineale, rettale, sacro-coccigea), frequenza, urgenza, disuria, nicturia, e la conservazione 
Prostatite batterica cronica: 
difficoltà della minzione (frequenza, urgenza, disuria), dolore lombare e disagio perineale e sovrapubico
 
Visita prostatica 
Prostatite batterica acuta: ghandola gonfia,  tesa, morbida o indurita 
Prostatite batterica cronica: ghandola congesta indurita (ingrandita), nella maggior parte dei pazienti 

Prove di laboratorio 
Batteriuria non sempre presente nelle secrezioni prostatiche


Trattamento
La maggioranza dei pazienti può essere trattata con antibiotici per via orale, come ad esempio trimetoprim-sulfametossazolo o fluorochinoloni (ciprofloxacina, levofloxacina). 

La durata totale del trattamento dovrebbe essere di 4 settimane e può essere prolungata fino a 6-12 settimane in caso di prostatite cronica. 

La terapia parenterale deve essere mantenuta fino a quando il paziente è senza febbre ed asintomatico 
La conversione ad un antibiotico per via orale può essere considerata se il paziente è stato afebbrile per 48 ore o dopo 3-5 giorni di terapia endovenosa. 
La scelta degli antibiotici dovrebbe comprendere quegli agenti che sono in grado di attraversare l'epitelio prostatico fino al liquido prostatico in concentrazioni terapeutiche e che possiedono anche uno spettro di attività per essere efficaci 
Attualmente, i fluorochinoloni (somministrati per 4-6 settimane) sembrano fornire la migliore opzione terapeutica nella gestione della prostatite cronica.

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI