RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

1 dicembre 2011

BUSPIRONE


Il Buspirone è un ansiolitico nonbenzodiazepinico della classe degli Azapironi
Esso risulta, a differenza delle benzodiazepine, completamente privo di attività anticonvulsivante, sedativa o muscolo-rilassante.

Indicazioni
E' indicato nei disturbi d'ansia, come il disturbo d'ansia generalizzato, ma non nel disturbo da panico.
Puo' anche essere efficace nella depressione resistente al trattamento in aggiunta ad altri antidepressivi
Esso non e' adatto al trattamento di quei pazienti nei quali sia necessario ottenere una rapida azione sulla sintomatologia ansiosa 

Dosaggio
La dose iniziale è di 5 mg due o tre volte al giorno. In seguito e' possibile aumentare gradualmente la dose, nel giro di alcune settimane, fino ad un dosaggio massimo di 60 mg al giorno  
Molti pazienti rispondono ad una dose totale di 30-40 mg al giorno in due o tre dosi frazionate.
Sono necessarie almeno due settimane prima che si verifichi il miglioramento clinico.

Effetti collaterali
Il Buspirone è generalmente ben tollerato; gli effetti collaterali più comuni sono nausea, cefalea, vertigini e insonnia.
Non determina, a differenza delle benzodiazepine, effetti quali compromissione della performance cognitiva, confusione e sensazione di stanchezza, per cui trova miglior indicazione negli anziani
Il Buspirone non determina sindrome di astinenza o tolleranza. 
Non produce sedazione e non potenzia gli effetti dell'alcol.

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI