RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

30 marzo 2011

TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DEL DIABETE TIPO 2

Agenti ipoglicemizzanti orali di prima linea

Biguanidi quali ad esempio la metformina
La metformina
riduce la gluconeogenesi e
aumenta l'utilizzazione periferica di glucosio

Efficace solo in caso vi sia una certa produzione endogena di insulina.
Inizia la metformina (salvo controindicazioni) per tutti i pazienti, se l'HbA1c e' superiore o uguale a 6,5 dopo essere intervenuti con dieta e stile di vita.
Evita la metformina in pazienti molto anziani ed in quelli con gravi malattie cardiache, del fegato o con insufficienza renale o elevata assunzione di alcol, per il rischio di acidosi
La metformina presenta il vantaggio di non causare ipog,icemia
Inizia con la dose minima e aumenta mensilmente fino al raggiungimento del controllo glicemico o della dose massima raggiunta.

Solfaniluree quali ad esempio la gliclazide
Agiscono aumentando la secrezione di insulina
Sono efficaci solo se vi è qualche residua produzione endogena di insulina.
Sono tutte egualmente efficaci
Se una sulfonilurea non funziona, non è detto che un'altra debba funzionare
Informa i pazienti che devono assumere le solfaniluree prima dei pasti, e mettili in guardia sulle possibili ipoglicemie nel caso in cui i pasti siano stati omesssi
Inizia il trattamento alla dose minima e finché la glicemia nel sangue è controllata o la dose massima sia stata raggiunta.
Attendi un periodo superiore o uguale ad 1 mese tra le correzioni.
Ricorda che il principale effetto collaterale è l'aumento di peso

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI