RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI

15 marzo 2011

SINDROME ACUTA DA RADIAZIONI (IN BREVE)

Manifestazioni cliniche
Subito dopo l'esposizione
nausea, vomito, diarrea, stato di affaticamento per 1-2 giorni, ± ustioni

Segue fase di latenza
senza sintomi (tale fase è assente se vi è esposizione superiore a 1000 rad)

Terza fase con sintomi evidenti:
A livello gastro-intestinale (vomito, diarrea, sanguinamento, sepsi),
A livello del SNC (confusione, edema cerebrale)
A livello emopoietico (riduzione dei globuli bianchi in prevalenza linfociti, Hb e piastrine, con un ritardo di 2-3 settimane, se vi è stata esposizione a basso dosaggio)


Trattamento
Indumenti protettivi e monitoraggio delle radiazioni

Decontaminazione  esterna

Ammetti in Ospedale se vi è stata esposizione uguale o superiore a 200 rad.
Se il paziente non presenta sintomi prima di 24 ore, l'esposizione probabilmente è inferiore a 75 rad.

Monitorizza Hb, globuli rossi, globuli bianchi ( + conta differenziale) ogni  6-8 ore.

Tratta con
antiemetici
fattori di stimolazione delle colonie staminali
trasfusione di gl.rossi, piastrine

Esegui tipizzazione dei tessuti e del sangue nei familiari per ev.le trapianto di midollo

Pratica profilassi antibiotica, antivirale, antimicotica

Il fall-out di iodio radioattivo dai reattori nucleari fa sì che l'esposizione per inalazione o ingestione a cibi contaminati (ad esempio latte di mucca), predisponga a cancro (in particolare della tiroide).
Per tal motivo a seconda dell'esposizione in rad della tiroide è raccomandato ioduro di potassio (KI)

RICERCA TRA GLI OLTRE 6MILA ARGOMENTI