RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI

8 marzo 2011

SESSUALITA' NEGLI ANZIANI

 In tarda età solitamente si verificamo cambiamenti nel comportamento sessuale quasi sempre compromessi dalle infermità
Permangono comunque nel rapporto bisogno di vicinanza e sensualità.

L'invecchiamento, come è noto,  produce cambiamenti nelle prestazioni sessuali, e gli uomini sono più propensi a sperimentare questi cambiamenti rispetto alle donne.

Negli uomini infatti gli orgasmi divengono meno frequenti e vi è il bisogno di una stimolazione più diretta per produrre l'erezione. Uno su quattro uomini, di età tra i 65 e gli 80 anni, ha avuto seri problemi nel raggiungere o mantenere l'erezione e questa percentuale è aumentata negli gli uomini oltre gli 80 anni di età.

Tuttavia, l'uso di farmaci per il trattamento della disfunzione erettile aumenta le aspettative di adulti più anziani nell'avere rapporti sessuali.

Nonostante le complicazioni di natura medica e le opinioni che la gente in tarda età adulta dovrebbe essere scarsamente propensa all'atto sessuale, molti anziani continuano ad impegnarsi in rapporti sessuali.

I risultati di uno studio recente che ha coinvolto 3.000 adulti tra i 57e gli 85 anni di età ha dimostrato che la salute ha un ruolo nel livello di attività sessuale degli anziani.
La percentuale di adulti più anziani sessualmente attivi infatti,  è più alta in coloro che sono in buone condizioni fisiche rispetto a quelli con salute scarsa.

Le donne più anziane possono essere meno attive sessualmente poichè spesso sopravvivono ai loro partner, data la tendenza degli uomini a sposare donne più giovani.

Nonostante diversi anziani si impegnino in attività sessuali, è certo che il bisogno di l'intimità e compagnia tendano ad essere più importanti del sesso.

RICERCA TRA GLI OLTRE 5MILA ARGOMENTI